Home / Attualità / Fai davvero troppo per gli altri? Ecco i comportamenti che contraddistinguono chi si prodiga troppo per gli altri!

Fai davvero troppo per gli altri? Ecco i comportamenti che contraddistinguono chi si prodiga troppo per gli altri!

Chi non riesce a capire quando ha fatto abbastanza per gli altri è in parte un piacione, in parte un controllore, e forse anche troppo coscienzioso fino al punto di perfezionismo. Fanno per gli altri quando gli altri potrebbero fare per sé stessi, anche se sono malati o disabili. Fare troppo può essere un’abitudine appresa – tua madre lo faceva per tuo padre – o una norma sociale non messa in discussione che impone alle donne di essere quelle responsabili per mantenere tutti felici nella famiglia. Harriet Goldhor Lerner, autrice di “The Dance of Intimacy“, definisce questo comportamento come “stile caratteristico di un individuo nel gestire l’ansia e navigare nelle relazioni sotto stress“.

I comportamenti di chi ne fa troppo

Chi ne fa troppo tende a:

  • Dare un sacco di consigli.
  • Trovare difficile ascoltare gli altri che soffrono senza fare qualcosa.
  • Precipitarsi ad aiutare prima di essere chiesto.
  • Trovare difficile chiedere o accettare aiuto.

I motivi dietro questi comportamenti

Ci sono molte ragioni per questo comportamento:

  • Per rafforzare un senso di superiorità. “Sto bene, sei tu quello che ha bisogno di aiuto“.
  • Per compensare un senso di inferiorità. “Sono un cattivo genitore o coniuge; compenserò facendo tutto per tutti.
  • Perché i loro genitori erano disfunzionali e dovevano intervenire per prendersi cura di se stessi e/o dei fratelli più piccoli.
  • Perché la vita ci costringe a fare troppo in risposta a una crisi medica, una nascita o una morte e non riusciamo a fermarci una volta che la crisi passa.
  • Perché ci vergogniamo dei nostri bisogni o desideri di essere accuditi. Li nascondiamo dietro un’apparenza di benessere, competenza, controllo della situazione, e mai bisognosi di aiuto.
  • Siamo convinti che gli altri non sopravviverebbero senza il nostro aiuto.

Trova il giusto equilibrio tra sacrificio di sé e egoismo

Dobbiamo tutti ricevere aiuto in qualche momento della nostra vita. Dare aiuto è quello che amici e familiari fanno l’uno per l’altro. Come si sa quando si sta facendo troppo per gli altri? Porsi le seguenti domande:

  • Sento risentimento per quello che sto facendo per gli altri (e di conseguenza non sto facendo per me)?
  • Gli altri hanno davvero bisogno del mio aiuto (o di tanto del mio aiuto)? Potrebbero fare (compilare lo spazio bianco) da soli?
  • Sto agendo per paura di non essere amato o di non essere abbastanza bravo?

L’esperienza di Cara e Arnie

Cara e Arnie sono una coppia che ha attraversato una prova difficile. Arnie è stato gravemente ferito in un incendio e Cara si è sentita responsabile del suo recupero. Tuttavia, quando Cara si è fratturata una gamba, Arnie ha dovuto aiutare lei. Attraverso il consiglio e uno sguardo lungo, duro e obiettivo alla loro relazione, Cara e Arnie hanno realizzato che erano due esseri umani separati che erano – come si dice – uniti al cuore, non al fianco.

Una consapevolezza importante

Arnie era responsabile di imparare a gestire le proprie emozioni, i propri farmaci e, in definitiva, il proprio recupero. Allo stesso modo, Cara era responsabile della guarigione dalla sua gamba rotta e di gestire le sue paure infondate ed esagerate che Arnie fosse totalmente incompetente.

Attraverso la consulenza e uno sguardo lungo, duro e obiettivo alla loro relazione, Cara e Arnie sono arrivati a capire che erano due esseri umani separati che erano – come si dice – uniti al cuore, non al fianco. Questa consapevolezza li ha aiutati a bilanciare la loro relazione e a ridurre l’abitudine di fare troppo l’uno per l’altro.

Ricordiamo quindi, che è importante dare, ma è altrettanto importante permettere agli altri di prendersi cura di se stessi e di darci una mano quando ne abbiamo bisogno.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

In che modo la privazione del sonno può nuocere al cervello?

La mancanza di sonno non solo è una condizione che farci sentire generalmente male, ma ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *