Home / Attualità / Genitori e bambini: l’importanza dell’istruzione a casa anche dopo la pandemia

Genitori e bambini: l’importanza dell’istruzione a casa anche dopo la pandemia

In questo momento di difficoltà mondiale, a causa del coronavirus, per genitori e bambini diventa molto importante l’istruzione a casa e a distanza.

Ma la riscoperta dell’istruzione a casa durante questo periodo difficile, dovrebbe rimanere importante anche dopo che sarà passata la “bufera” e i bambini saranno tornati a scuola.

I bambini e i genitori, in questo periodo, stanno collaborando per fare i compiti, per studiare le pagine inviate grazie alla didattica a distanza, li seguono nel loro percorso di studi. Questo è un valore che bisogna ricordare e non abbandonare anche negli anni a venire. Ma vediamo insieme il perché.

Come influisce positivamente l’istruzione a casa oltre che a scuola

I bambini stanno facendo i conti con un nuovo modello d’istruzione a casa, devono studiare con i computer e con l’uso dei tablet, e per riuscire a prendere confidenza con questi strumenti, ma anche per ricevere spiegazioni più dettagliate c’è stato bisogno dell’aiuto dei genitori.

Prima della pandemia, la frenesia di una vita sempre in movimento, ha fatto sì che i bambini apprendessero tutto a scuola rendendo gli insegnanti i principali responsabili dell’educazione dei più piccoli. L’istruzione a casa oltre che tra le mura scolastiche però è molto importante. E per questo bisognerebbe continuare a motivare i bambini anche una volta finita la pandemia.

I bambini trovano maggiore motivazione e riscontrano il piacere di studiare e di apprendere nel momento in cui sono accompagnati su questa strada anche dai loro genitori. Creare quindi un clima d’apprendimento continuo anche a casa, facendo sì che il bambino sia stimolato a imparare, è una soluzione che a lungo termine giova su di lui e lo aiuta a sviluppare le sue potenzialità.

Come aiutare i bambini nel loro percorso di istruzione a casa

A casa i bambini possono continuare a imparare e studiare, il loro percorso d’istruzione congiunto tra quello scolastico e familiare può dare dei risultati positivi. Ma come aiutare i bambini nel loro percorso d’istruzione anche mentre vanno a scuola?

Sicuramente il primo passo è aiutarli a fare i compiti per la scuola. I bambini, specie quando vanno alle elementari, hanno bisogno del sostegno di un adulto per dar voce ai loro dubbi e ottenere delle risposte. Stimolare i bambini a fare domande, che possono discostarsi anche dal compito che sta facendo, e rispondergli può aiutarli a migliorare la loro voglia di imparare e la curiosità.

Invece, per aiutare i bambini nel loro percorso d’istruzione, che si discosta da quello scolastico si possono usare i giochi didattici. Questi uniscono il gioco ossia il divertimento alla didattica.

Per i giochi didattici si può sfruttare internet come ad esempio:

  • Matika.it: un sito nel quale i bambini possono giocare e al contempo fare degli esercizi di matematica.
  • Baby-Flash: un sito dedicato ad adulti e bambini per studiare diverse materie dall’italiano, alla geografia, fino alla storia.

Oltre ai giochi online, ci sono poi quelli da poter fare a casa con i propri figli:

  • Costruire dei personaggi in cartoncino e creare delle storie da scrivere 
  • Creare insieme un fumetto in casa con i bambini
  • Cucinare torte e dolci per riuscire a insegnargli la matematica, le proporzioni etc. 

Queste sono alcune idee per riuscire a continuare il percorso d’istruzione con i bambini divertendovi insieme e creando nel piccolo un senso di fiducia nelle sue capacità e conoscenze.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come lo stress influisce negativamente sulla memoria

Lo stress può influire negativamente sulla memoria? Secondo gli esperti nel campo della memoria, si ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *