Home / Attualità / I bambini che hanno subito dei traumi diventano più empatici

I bambini che hanno subito dei traumi diventano più empatici

Vivere un evento traumatico nell’età infantile predice dei livelli più elevati di depressione, aggressività, violenza e disturbi della personalità durante l’età adulta, oltre che vari problemi di natura fisica. Gli eventi traumatici dunque possono avere un impatto negativo sulla vita delle persone. Ma ci sono poche cose che hanno effetti che si presentano unidirezionali in modo universale. Questo vuol dire, che a volte, anche i traumi durante l’età infantile possono avere dei risvolti positivi. Bambini che dopo quello che hanno vissuto sono riusciti a vivere una vita migliore, e questo ciò che è stato comprovato da una ricerca che supporta le persone che hanno subito dei traumi durante l’infanzia. In poche parole, questi sono in grado di sviluppare una maggiore empatia nei confronti delle altre persone.

Una ricerca dimostra che chi ha subito un trauma è più empatico

La ricerca che è stata pubblicata dalla rivista PLoS One, i ricercatori di Cambridge e New York ha esplorato un rapporto tra i traumi che avvengono durante l’infanzia e la capacità d’entrare in empatia con gli altri adulti. Greenberg ha condotto degli studi sfruttando le interviste con soggetti che hanno vissuto un trauma durante l’infanzia, valutando il loro grado di empatia. L’empatia permette di riconoscere e rispondere i sentimenti degli altri. Nello specifico sviluppano una maggiore: empatia affettiva, cognitiva e sociale. 

Lo studio dei ricercatori ha valutato 387 partecipanti, 309 con traumi infantili e 78 senza alcun trauma, e hanno effettuato anche un secondo studio dove 348 partecipanti hanno avuto delle avversità durante l’infanzia mentre altri 94 no. Il 65% dei partecipanti erano donne il 35% uomini. Nel primo studio i ricercatori hanno riuscito a scoprire che l’esperienza del trauma aumentava i livelli d’empatia affettiva, ma non quelli di empatia cognitiva. I risultati dipendevano anche dalle varie tipologie d’esperienze traumatiche. Infatti, chi aveva subito un abuso aveva livelli elevati di empatia affettiva invece coloro che avevano subito la morte di un genitore o entrambi avevano livelli più alti di empatia cognitiva. 

Più pericoloso è il trauma più sono alti i livelli di empatia

La ricerca infine, ha suggerito che varie tipologie di esperienze traumatiche nel corso dell’infanzia possono influenzare le persone in modo differente. Più gravi sono i traumi subiti e maggiore è la possibilità che la persona che li ha vissuti presenti un maggior grado di empatia e sia più in grado di prendersi cura delle altre persone da adulti. Entrambi gli studi, nell’età in cui si sono verificate delle esperienze traumatiche non ha avuto un impatto statistico rilevante sull’empatia. 

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come lo stress influisce negativamente sulla memoria

Lo stress può influire negativamente sulla memoria? Secondo gli esperti nel campo della memoria, si ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *