Home / Attualità / I compiti a casa fanno davvero bene ai bambini?

I compiti a casa fanno davvero bene ai bambini?

Negli ultimi anni, i compiti a casa sono diventati un argomento di grande discussione tra genitori ed educatori. Preoccupazioni riguardo la loro efficacia nel migliorare l’apprendimento degli studenti e la quantità di compiti assegnati sono sempre più diffuse. Lo stress derivato dai compiti a casa non solo influisce sui giovani studenti ma anche sul tempo qualitativo trascorso in famiglia e sulle opportunità di svolgere attività fisiche e di gioco.

Le ricerche condotte hanno riscontrato che agli studenti delle scuole elementari vengono assegnati compiti per casa che, in media, sono il triplo di quanto raccomandato. Ciò solleva la questione su quali siano i reali benefici dei compiti a casa e quanto sia “troppo”.

Benefici Accademici e Non

Le ricerche indicano che i compiti a casa sono collegati a punteggi più alti nei test accademici standardizzati per gli studenti di scuole medie e superiori. Tuttavia, gli studenti delle scuole elementari non sembrano beneficiare nella stessa misura. Uno studio sperimentale condotto in Romania ha mostrato che una moderata quantità di compiti a casa (circa 20 minuti) può portare a benefici accademici tra gli studenti delle elementari, ma solo in alcuni casi specifici.

Oltre ai vantaggi accademici, i compiti a casa contribuiscono allo sviluppo di competenze importanti come la responsabilità, la gestione del tempo e la perseveranza. Incrementano anche il coinvolgimento dei genitori nel percorso educativo dei loro figli.

Tuttavia, l’assegnazione eccessiva di compiti a casa può limitare le opportunità per i bambini di impegnarsi in giochi liberi, attività cruciali per lo sviluppo delle competenze linguistiche, cognitive, di autoregolamentazione e socio-emotive. Inoltre, un carico eccessivo di compiti a casa può interferire con l’attività fisica, aumentando il rischio di sovrappeso.

La Quantità “Giusta” di Compiti a Casa

Sulla base delle ricerche, per gli studenti delle scuole superiori, i compiti a casa non dovrebbero superare 1,5-2,5 ore a notte, mentre per gli studenti delle scuole medie non dovrebbero eccedere 1 ora a notte. Per gli studenti delle scuole elementari, i compiti dovrebbero essere limitati e assegnati con l’obiettivo specifico di sviluppare autoregolamentazione e capacità di lavoro indipendente.

La National Education Association raccomanda 10 minuti di compiti a casa per classe, una direttiva supportata da alcune evidenze sperimentali.

Ruolo dei Genitori

Il supporto dei genitori nei compiti a casa è fondamentale, ma è essenziale anche il modo in cui questo supporto viene fornito. I genitori dovrebbero concentrarsi su monitoraggio, guida e incoraggiamento, permettendo ai bambini di completare i compiti in modo autonomo. Un eccessivo coinvolgimento può essere controproducente e associato a prestazioni scolastiche inferiori.

Strutturare l’Ambiente di Studio

È importante aiutare i bambini a sviluppare una struttura e routine di studio che li aiuti a completare in modo autonomo i compiti. Fornire un ambiente strutturato e responsivo è collegato a miglioramenti nelle competenze accademiche.

Stabilire Regole Specifiche

Stabilire regole riguardanti i compiti a casa può essere positivamente associato a un rendimento scolastico migliore. Ad esempio, i genitori possono aiutare i bambini a vedere i compiti a casa come un’opportunità di apprendimento e crescita piuttosto che un semplice obbligo. Mantenere un atteggiamento positivo e lodare l’impegno e la persistenza del bambino può aumentare la motivazione.

I compiti a casa rappresentano una componente importante dell’esperienza educativa, ma è cruciale bilanciare attentamente il loro volume e la loro natura. Gli educatori e i genitori devono lavorare insieme per garantire che i compiti a casa siano un’esperienza positiva e costruttiva, che supporti sia lo sviluppo accademico che non accademico degli studenti.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Ribellione nei bambini: un segnale d’allarme in risposta a genitori troppo severi

La ribellione in età infantile e adolescenziale è spesso un indicatore di tensioni sotterranee e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *