Home / Attualità / I pensieri inconsci influenzano le scelte personali future

I pensieri inconsci influenzano le scelte personali future

Secondo una recente ricerca i pensieri inconsci sarebbero in grado di influenzare le nostre scelte personali per il futuro. Anche se pensiamo di essere totalmente lucidi nel momento in cui prendiamo una decisione è necessario considerare, secondo una ricerca dell’Università del Nuovo Galles del Sud a Sidney in Australia, che queste in realtà siano state già maturate all’interno del nostro subconscio. In poche parole, i nostri cervelli irradiano una scelta o decisione alla mente, ancor prima di formulare realmente il pensiero e la risposta ad una domanda. 

Prendiamo le decisioni con 11 secondi in anticipo, senza saperlo

La ricerca condotta all’università australiana dai ricercatori Roger Koenig-Robert e Joel Pearson ha confermato come il nostro cervello prende le decisioni con almeno 11 secondi d’anticipo rispetto a coloro che fanno una scelta volontaria ed espressa a parole. Gli sperimentatori hanno potuto verificare questa risposta anticipata da parte del nostro subconscio decodificando i modelli neurali e le attività visive e delle aree frontali del cervello di coloro che hanno partecipato al test e si sono sottoposti a una risonanza magnetica funzionale.

Durante lo studio, i partecipanti dovevano scegliere liberamente d’immaginare una delle immagini proposte loro. In questo modo, i ricercatori sono stati in grado vedendo la risposta del cervello, di anticipare quella del partecipante. In poche parole hanno previsto l’immagine che avrebbero scelto in base alla reazione del cervello alla visione delle varie fotografie.

Lo studio ha concluso che: i risultati suggeriscono come i contenuti e i punti di forza delle immagini mentali siano influenzate da delle rappresentazioni neurali e sensoriali che emergono in modo spontaneo prima che si esprima la propria volontà. I ricercatori hanno indicato che lo studio può essere usato come uno strumento per riuscire a comprendere l’origine e i contenuti di pensieri involontari e il modo in cui questi progrediscono o influenzano i successivi.

Come prendiamo le decisioni?

I risultati del test portano così ad una domanda fondamentale ossia: Come prendiamo le nostre decisioni? Secondo il professor Pearson: crediamo quando ci troviamo dinanzi a una scelta tra due o più opzioni di dover riuscire a esprimere la nostra decisione, ma in realtà la ricerca fa pensare che ci sia già una traccia inconscia all’interno del pensiero che spiega che cosa penseremo e quale sarà la nostra risposta ad una determinata domanda o situazione. A conclusione dell’articolo il professore chiarisce comunque che: I nostri risultati non garantiscono che ogni scelta sia preceduta da immagini involontarie del subconscio, ma lo studio dimostra che questo meccanismo esiste e che serve principalmente a pregiudicare le nostre decisioni quotidiane. 

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

I bambini che hanno subito dei traumi diventano più empatici

Vivere un evento traumatico nell’età infantile predice dei livelli più elevati di depressione, aggressività, violenza ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *