Home / Psicologia / Il rientro fra i banchi di scuola, come affrontarlo senza traumi
come affrontare il rientro fra i banchi di scuola

Il rientro fra i banchi di scuola, come affrontarlo senza traumi

Le vacanze sono quasi a termine e a breve la campanella della scuola riprenderà a suonare per tantissimi studenti. Per molti il rientro fra i banchi di scuola è sinonimo di ansia e preoccupazione.

Come fare per ricominciare un nuovo anno scolastico, senza tensioni?

L’importanza della scuola

La scuola è un posto fantastico ma anche molto complesso e talvolta spaventoso. È come un grosso contenitore di emozioni, di voglia di imparare, di bisogno di crescere, di  ricerca di autonomia e talvolta di piccole e grandi sfide. A tutto questo si affianca la stanchezza di dover riprendere il ritmo, la solita routine non solo per i ragazzi, ma anche per i genitori e gli insegnanti.

Ecco come sopravvivere all’ansia del rientro a scuola

Non esistono delle regole standardizzate, ma possiamo proporvi alcuni suggerimenti.

  1. Per prima cosa è importante che genitori e figli imparino a gestire l’onda emotiva, per non venire sopraffatti dai troppi impegni e carichi di lavoro scolastico.
  2. Inoltre i genitori devono ricordarsi sempre di sostenere ed accompagnare i bambini più piccoli, che magari fanno per la prima volta il loro ingresso nel mondo della scuola, e che quindi appaiono maggiormente disorientati.
  3. Infine, aiutare i bambini e gli adolescenti a comprendere che la scuola è un passaggio fondamentale per la loro vita e crescita futura.

L’incubo del rientro a scuola

Tuttavia nonostante i buoni propositi e i consigli, vi sono situazioni dove il rientro a scuola è vissuto come un vero e proprio incubo, generando una sorta di malessere anche fisico. Quando il solo sostegno dei genitori non basta per affrontare questo disagio, allora è necessario rivolgersi ad un esperto.

Il rientro fra i banchi infatti potrebbe essere un problema legato alla personalità del ragazzo, oppure ad altre situazioni quali : difficoltà di apprendimento, difficoltà familiari o bullismo.

Un professionista esperto (ad esempio uno psicologo) sarà quindi in grado di indagare e capire le reali motivazioni che stanno alla base del rifiuto e affrontarle nella maniera più opportuna.

La scuola è come un lungo viaggio, dove tutto quello che si impara bisogna conservarlo in una grande valigia.

Vedi Anche

Benefici della scrittura: 5 modi in cui scrivere ci fa stare meglio

La scrittura può essere una tecnica molto importante per sentirsi meglio specialmente nelle difficoltà. Ci ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *