Home / Attualità / La pressoterapia: benefici e controindicazioni di una tecnica estetica e medica molto diffusa
gambe perfette e leggere con la pressoterapia

La pressoterapia: benefici e controindicazioni di una tecnica estetica e medica molto diffusa

Hai mai sentito parlare di pressoterapia?

Sicuramente sì. Ma sai davvero di cosa si tratta? Conosci i suoi reali benefici e le controindicazioni  di questo trattamento non solo estetico? Ecco, cosa devi sapere se vuoi migliorare l’aspetto delle tue gambe.

La pressoterapia è considerata un trattamento estetico mirato a contrastare la cellulite e la pelle a buccia d’arancia; in realtà è anche un trattamento medico ben collaudato che va a migliorare la circolazione e a stimolare il sistema linfatico.

Con quali benefici? Innanzitutto le gambe appaiono da subito più leggere, sgonfie e con meno edemi, dovuti alle vene varicose.

Insomma oltre ad un gradevole aspetto delle gambe, con la pressoterapia abbiamo un vero e proprio trattamento medico, non invasivo che ci aiuta a stare meglio.

Come si svolge una seduta di pressoterapia?

Si tratta di un macchinario che si applica per tutta la lunghezza della arto inferiore, fino alla pancia e che grazie a dell’aria compressa, si gonfia ad intermittenza nelle varie parti del corpo interessate. In pratica si genera un massaggio che incide in maniera benefica sul sistema linfatico, favorendo la circolazione del sangue.

Una seduta dura dai 20 ai 30 minuti e per avere dei buoni risultati visibili sono necessari almeno 10 trattamenti, due a settimana.

In ambito estetico, la pressoterapia apporta notevoli benefici per:

  • la cellulite
  • la ritenzione idrica
  • sovrappeso con grasso localizzato.

In ambito medico invece, trova largo impego per:

  • l’insufficienza venosa,
  • le vene varicose
  • prevenzione dell’ edema cronico

Controindicazioni della pressoterapia

A fronte di tali benefici, quali sono invece le controindicazioni?

Sicuramente la pressoterapia non è consigliata in caso di infezioni alle gambe, di dermatiti e di insufficienza cardiaca; non è particolarmente sconsigliata alle donne in gravidanza che potrebbero invece ricavarne un grande beneficio, tuttavia è bene chiedere sempre un pare al proprio ginecologo ed eventualmente procedere con il linfodrenaggio manuale, che è più delicato.

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

Memoria, ricercatori scoprono come “modificarla”

All’interno del nostro cervello l’ippocampo è in grado di immagazzinare le informazioni sensoriali ed emotive ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *