Home / Attualità / L’ascolto della musica è come un farmaco per il nostro cervello

L’ascolto della musica è come un farmaco per il nostro cervello

Tutti sappiamo che ascoltare la nostra canzone preferita è un toccasana per l’umore. Tuttavia, ai ricercatori della Michigan State University non è bastato. E, così, gli studiosi hanno anche scoperto che l’ascolto della musica può rendere più efficaci i farmaci!

Gli interventi di ascolto musicale sono come farmaci da banco“, ha detto Jason Kiernan, professore assistente presso il College of Nursing. “Ma non c’è bisogno di un medico per prescriverli“.

Sebbene precedenti ricerche abbiano già utilizzato gli interventi di ascolto della musica come strumento per trattare il dolore e l’ansia, Kiernan ha adottato un approccio nuovo studiando gli effetti degli interventi di ascolto della musica sulla nausea indotta dalla chemioterapia. “Il dolore e l’ansia sono entrambi fenomeni neurologici e vengono interpretati dal cervello come uno stato“, ha detto Kiernan. “La nausea indotta dalla chemioterapia non è una condizione gastrica, ma neurologica”.

Il piccolo studio pilota ha incluso 12 pazienti in trattamento chemioterapico che hanno accettato di ascoltare la loro musica preferita per 30 minuti ogni volta che dovevano prendere il farmaco anti-nausea necessario. Hanno ripetuto l’intervento musicale ogni volta che la nausea si presentava nei cinque giorni successivi al trattamento chemioterapico. I pazienti dello studio hanno fornito un totale di 64 eventi.

Quando ascoltiamo la musica, il nostro cervello attiva tutti i tipi di neuroni“, ha detto Kiernan che, sebbene abbia riscontrato una riduzione della gravità della nausea e dell’angoscia dei pazienti (quanto li infastidisce la nausea), avverte che è difficile isolare se si tratti del rilascio graduale del farmaco che fa il suo lavoro o del maggiore beneficio della musica. Per gli studi futuri, Kiernan si sta ispirando a un altro studio pubblicato in precedenza che ha misurato la quantità di serotonina, un neurotrasmettitore, rilasciata dalle piastrine nel sangue dopo l’ascolto di musica spiacevole e piacevole.

La serotonina è il principale neurotrasmettitore che causa la nausea indotta dalla chemioterapia“, ha detto Kiernan. “I pazienti affetti da cancro assumono farmaci per bloccare gli effetti della serotonina”.

Durante lo studio precedente, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti che ascoltavano musica piacevole registravano i livelli più bassi di rilascio di serotonina, il che indica che la serotonina rimaneva nelle piastrine del sangue e non veniva rilasciata per circolare in tutto il corpo. I risultati hanno anche mostrato che, dopo aver ascoltato musica che hanno trovato sgradevole, i pazienti hanno sperimentato un maggiore stress e un aumento dei livelli di rilascio di serotonina.

“È stato interessante perché fornisce una spiegazione neurochimica e un possibile modo di misurare la serotonina e il rilascio di serotonina da parte delle piastrine del sangue nel mio studio“, ha detto Kiernan. “Tra 10-20 anni, non sarebbe bello poter utilizzare un intervento non farmacologico come l’ascolto di 10 minuti della propria musica preferita per integrare un farmaco?”.

 

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Allenarsi a ritmo di musica fa bene

Un team di neuroscienziati giapponesi ha studiato l’impatto dell’esercizio ritmico groove (GREX) sull’attività della corteccia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *