Home / Attualità / Le allucinazioni – Come è possibile vedere cose che non esistono?
le allucinazioni
le allucinazioni

Le allucinazioni – Come è possibile vedere cose che non esistono?

Le allucinazioni – Come è possibile vedere cose che non esistono?

Il cervello umano è in grado di mentire circa i dati che i sensi comunicano. Quando vediamo (o sentiamo) cose che non esistono siamo di fronte ad una allucinazione. Contrariamente ad una illusione che interpreta scorrettamente uno stimolo esistente, l’allucinazione riscontra uno stimolo esterno che non esiste.
Un’allucinazione è cosa diversa dall’allucinosi: se qualcuno dice di vedere un mostro e si comporta in modo adeguato, cercando ad esempio di fuggire, allora si tratta di un’allucinazione, ma se questa visione viene messa in discussione e ritenuta impossibile, la persona è in uno stato di allucinosi.
Oggi, qualche informazione in più sul particolarissimo fenomeno delle allucinazioni, ci arriva da uno studio effettuato dalla Cardiff University e dalla University of Cambridge, secondo il quale la loro origine potrebbe essere riconducibile a un’esasperazione della nostra normale capacità di interpretare il mondo, facendo uso in parte delle nostre esperienze pregresse ed in parte delle nostre attese.
Facciamo un esempio: immaginiamo di entrare in una stanza e di vedere un’ombra che scivola dietro il sofà. Il nostro occhio avrà catturato poche informazioni per essere certo di cosa abbia visto, eppure la nostra esperienza pregressa ci porta ad elaborare di aver visto, con buona probabilità, un gatto. L’uso del “probabilmente” è fondamentale in questo caso, poiché le informazioni in nostro possesso sono talmente poche e dubbie che quel che abbiamo visto è frutto di un lavoro creativo più che reale, basato anche su quel “normalmente” ci aspettiamo di vedere. Da un punto di vista evolutivo, questa capacità “predittiva” è fondamentale per il nostro adattamento all’ambiente circostante, poiché ci permette di dar senso alle situazioni più complesse, ma è anche il motivo per il quale è molto probabile che molte piccole cose percepite ogni giorno sono in realtà un’allucinazione.
Ovviamente, è opportuno fare una netta distinzione tra le allucinazioni “da adattamento percettivo” e le allucinazioni indotte dalla deprivazione sensoriale o dalla malattia mentale: mentre le prime hanno una causa, come ampiamente accennato, adattiva, le altre dipendono da o da un fattore contingente (deprivazione) o da un patologia in essere (psicosi).

Le allucinazioni

About Francesco Russo

Mi chiamo Francesco Russo, nato a Benevento e residente a Roccabascerana (AV). Amo viaggiare, il trekking, healthy food e la cucina casareccia, strimpello il basso elettrico e nel weekend sono in pista come Marshall. Ho conseguito la Laurea Triennale in Ing. Civile e Ambientale. Ho iniziato ad interessarmi al mondo del Web Marketing e per trasformare questa passione in lavoro ho conseguito presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli il Master in e-Commerce Management. Mi occupo dello sviluppo di e-Commerce, Siti vetrina, Social e Blog, secondo le necessità dei clienti, cerco di interpretare al meglio quella che oggi chiamiamo SEO. Sono una persona di buona volontà, ma non uno specialista Francesco

Vedi Anche

limone-carcinoma seno

Limoni per riconoscere il cancro al seno

Il cancro al seno è purtroppo una malattia che colpisce sempre più donne soprattutto nell’età ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *