Home / Attualità / Set point: quel punto di stallo che non ti fa più dimagrire
quando il metabolismo rallenta e non dimagrisci più

Set point: quel punto di stallo che non ti fa più dimagrire

Chissà quante volte è capitato anche a te la terribile esperienza di metterti a dieta e di arrivare ad un punto di non riuscire più a buttar giù nemmeno un etto.

Questa condizione si definisce “set point” ovvero punto di stallo in cui il tuo peso si stabilizza in base allo stile di vita e non ti permette più di dimagrire.

Questa condizione, manda in crisi moltissime persone (soprattutto donne) che non riescono più a vedere i risultati e quindi perdono di vista l’obiettivo da raggiungere.

Aiuto: non riesco più a dimagrire

Perché accade? Quando si inizia a perdere peso, si parte col ridurre il carico calorico ma i risultati non saranno mai uguali per tutti.

La riduzione delle calorie porta ad un abbassamento del metabolismo, che inizierà a lavorare in modalità “risparmio“. In pratica il nostro metabolismo, dopo una prima fase di dimagrimento iniziale, si abitua e quindi “rallenta“.

Ecco perchè diventa difficile perdere altro peso

Cosa possiamo fare? Il segreto sta nel non abituare il metabolismo al risparmio e quindi al rallentamento. Per sbloccare il set point dobbiamo fare in modo che il nostro metabolismo riprenda a lavorare velocemente.

Come? Ad esempio mangiando un po’ di tutto e facendo attività fisica. Ma anche lo stress è le poche ore di sonno tendono a rallentare il metabolismo; quindi è consigliabile fare una vita regolare.

Le donne dimagriscono meno degli uomini, ecco perchè

Questo fenomeno colpisce soprattutto le donne, ovviamente a causa dei cambiamenti ormonali che subiscono durante l’arco della loro vita e che quindi le portano a fare spesso i conti con la cattiva alimentazione ed uno stile di vita sbagliato.

Gravidanza, menopausa, adolescenza di certo non aiutano le donne a dimagrire, anzi spesso tali cambiamenti incidono moltissimo sia a livello fisico che psichico.

Quando la situazione diventa difficile da gestire, è sempre bene consultare un nutrizionista per farsi consigliare al meglio sulla soluzione più opportuna per il proprio benessere.

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

Sentimenti ed emozioni il malato di Alzheimer li ricorda

Esercizio fisico e memoria, nuovo studio apre interessanti scenari

Negli anni gli scienziati hanno raccolto numerose prove in grado di creare collegamenti solidi tra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *