Home / Attualità / L’omosessualità è un vizio o è frutto di una programmazione biologica?
omosessualità
omosessualità

L’omosessualità è un vizio o è frutto di una programmazione biologica?

L’omosessualità è un vizio o è frutto di una programmazione biologica?

Oggi trattiamo un tema molto delicato, l’omosessualità. Ho raccolto delle tesi che si contrappongono tra loro, tutti voi cosa ne pensate? E’ gradito un vostro contributo. Grazie anticipatamente

Tempo fa, il biologo omosessuale americano Simon LeVay, fondatore dell’Institute of Gay and Lesbian Education, elaborò una teoria secondo la quale il comportamento omosessuale non sarebbe da imputare ad una tendenza frutto di abitudini apprese ma ad una condizione biologica innata nella specie umana. Tra i vari oppositori a questa “tesi”, uno in particolare, William Byne, psichiatra al New York State Psychiatric Institute e ricercatore all’Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University di New York, evidenziò, tra le altre cose, il fatto che il lavoro di LeVay non è riproducibile sperimentalmente.

Il Prof. Byne, studioso della struttura cerebrale dell’uomo, degli altri primati e del modo in cui i fattori biologici e sociali interagiscono nell’influenzare il comportamento, ha sottolineato come delle molte, presunte differenze sessuali nel cervello umano riferite negli ultimi cent’anni, solo una è risultata sistematicamente riscontrabile: la variazione della dimensione del cervello e delle sue strutture in base alla variazione della taglia corporea.

“Inoltre l’ipotesi di Simon LeVay sui meccanismi biologici proposti per spiegare il comportamento omosessuale nel maschio, non è assolutamente in grado di spiegare il comportamento sessuale delle lesbiche né, tantomeno, quello degli adulti bisessuali e certo non può in alcun modo essere generalizzata ed estesa per dare giustificazione del comportamento nelle varie forme di deviazione e di perversione sessuale”.

Tale ipotesi, inoltre, non può dare spiegazione ad un altro fattore: se la persona omosessuale vuole sottoporsi a eventuali terapie psicologiche, essa può giungere ad una guarigione completa? Secondo l’esperienza clinica dello psichiatra Gerard J. M. Van Den Aardweg, uno dei massimi studiosi dell’omosessualità, la guarigione è totale (possibile) in una percentuale del 30% e negli altri casi, dov’è maggiore un’assuefazione ai contatti omosessuali di tipo nevrotico-ossessivo, è possibile solo attenuare e controllare gli impulsi emotivi.

Ancora, Byne fa notare che il lavoro di LeVay è praticamente inattendibile in quanto tutti i cervelli di maschi omosessuali, utilizzati per lo studio condotto, provengono da pazienti colpiti da AIDS e che, all’epoca del decesso, tutti i soggetti presentavano bassi livelli di testosterone in conseguenza della malattia stessa.

About Francesco Russo

Mi chiamo Francesco Russo, nato a Benevento e residente a Roccabascerana (AV). Amo viaggiare, il trekking, healthy food e la cucina casareccia, strimpello il basso elettrico e nel weekend sono in pista come Marshall. Ho conseguito la Laurea Triennale in Ing. Civile e Ambientale. Ho iniziato ad interessarmi al mondo del Web Marketing e per trasformare questa passione in lavoro ho conseguito presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli il Master in e-Commerce Management. Mi occupo dello sviluppo di e-Commerce, Siti vetrina, Social e Blog, secondo le necessità dei clienti, cerco di interpretare al meglio quella che oggi chiamiamo SEO. Sono una persona di buona volontà, ma non uno specialista Francesco

Vedi Anche

limone-carcinoma seno

Limoni per riconoscere il cancro al seno

Il cancro al seno è purtroppo una malattia che colpisce sempre più donne soprattutto nell’età ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *