Home / Attualità / Perché ai bambini piace collezionare?
bambini collezione

Perché ai bambini piace collezionare?

Il fenomeno dei bambini che si dedicano al collezionismo è un argomento affascinante e complesso nel campo della psicologia. La ricerca, ancora agli albori, comincia a fornire spunti interessanti sull’incidenza e sulle motivazioni di questo comportamento. Personalità come John Lennon, che iniziò a collezionare francobolli a 9 anni, mostrano come il collezionismo possa essere una passione che prende vita sin dall’infanzia.

L’età del collezionismo

La tendenza a collezionare si manifesta spesso nei bambini tra i 6 e gli 8 anni. Questa fase corrisponde allo sviluppo delle capacità esecutive e del senso di controllo sull’ambiente circostante. Jean Piaget, noto psicologo dello sviluppo, ha identificato il collezionismo come parte dello “stadio operativo concreto” dei bambini, un periodo in cui iniziano a comprendere la logica e a utilizzarla per ragionare sugli oggetti e sulle loro esperienze.

Incidenza e differenze di genere

L’incidenza dei bambini collezionisti varia significativamente, da un 30-40% fino al possibile 80%. Una parte di questa disparità deriva dalla scarsità di letteratura sul tema. È noto che gli oggetti naturali siano comunemente raccolti dai bambini, forse a causa della limitata disponibilità di risorse finanziarie. Inoltre, si osserva una differenza di genere: le ragazze tendono ad essere attratte da oggetti visivamente attraenti, mentre i ragazzi da oggetti legati a guerra o sport.

Motivazioni del collezionismo infantile

Le ragioni che spingono i bambini a collezionare sono molteplici e spesso sovrapposte. Tra queste, l’evasione dalla noia e dalla realtà, la curiosità verso gli oggetti da collezione e la possibilità di ampliare le proprie conoscenze su di essi. Altre motivazioni includono la soddisfazione di una passione per gli oggetti desiderati, il desiderio di distinguersi dagli altri e l’espansione del proprio mondo sociale attraverso la collezione.

Il ruolo dei genitori e dei nonni

I genitori e i nonni giocano un ruolo fondamentale nel suscitare l’interesse per il collezionismo nei bambini. Spesso, è attraverso la condivisione delle proprie collezioni che i familiari trasmettono questa passione. Questo è evidente nel caso di John Lennon, il cui interesse per i francobolli fu ispirato da un regalo del cugino Stanley Parkes.

Il collezionismo come espansione del mondo sociale

La creazione di una collezione può essere vista come un modo per i bambini di estendere il loro mondo sociale. Attraverso le collezioni, i bambini non solo imparano a conoscere nuovi oggetti e concetti, ma anche ad interagire con altri collezionisti, scambiare oggetti e condividere conoscenze. Questo aspetto sociale del collezionismo è fondamentale per lo sviluppo delle competenze interpersonali e dell’autostima.

Il collezionismo nei bambini è un fenomeno complesso e multidimensionale che offre spunti interessanti sia per la psicologia dello sviluppo che per l’educazione. Attraverso il collezionismo, i bambini esplorano il mondo, sviluppano interessi e competenze, e costruiscono relazioni sociali significative. Questo comportamento, nato da una combinazione di curiosità innata, influenze familiari e desiderio di esplorazione, rappresenta una finestra sul mondo interiore del bambino e sulle sue interazioni con l’ambiente circostante.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Allenarsi a ritmo di musica fa bene

Un team di neuroscienziati giapponesi ha studiato l’impatto dell’esercizio ritmico groove (GREX) sull’attività della corteccia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *