Home / Attualità / Perché fumiamo? La dipendenza da fumo
Perché fumiamo
Perché fumiamo

Perché fumiamo? La dipendenza da fumo

Perché fumiamo?

La dipendenza da fumo di sigaretta è una delle dipendenze più difficili da eradicare. I media da anni si preoccupano di informare su danni provocati dal fumo; statistiche preoccupanti mettono in guardia sugli effetti nefasti della nicotina.

Il tumore ai polmoni rientra tra le prime cause di morte. Le malattie cardio-vascolari, le patologie della gola e quelle respiratorie mietono migliaia di vite ogni anno.

Eppure, si continua a fumare! Perché?

Da un punto di vista psicologico, ogni scuola sarebbe incline a dare la sua interpretazione a seconda della teoria di riferimento. Una teoria interessante è quella freudiana.

Freud – è risaputo – era un fumatore incallito e morì proprio per un cancro alla gola. Egli, ipotizzò che Eros e Thanatos, ovverosia la pulsione verso la vita e quella verso la morte, fossero ambedue presenti nella psiche umana e quindi spingessero ogni individuo da un lato ad amare ed a riprodursi, dall’altro verso l’autodistruzione.

Ancora, in base alla sua teoria dello sviluppo, il bambino alla nascita esprime la sua libido attraverso la suzione e l’oralità, per poi proseguire il proprio sviluppo in fasi successive (quella anale prima, la fallica poi, la genitale infine): se per qualsiasi motivo lo sviluppo non procede regolarmente, avviene un blocco e l’individuo resta fermo alla fase orale per tutto il resto della vita (il fumare riproduce la suzione), salvo la possibilità di risolvere la causa del trauma sottostante.

La teoria freudiana, tuttavia, non spiega ciò che realmente accade nella mente di un fumatore.

Secondo un diverso approccio (quello cognitivo-comportamentale) ogni individuo crea una propria mappa della realtà, costruendo proprio un bagaglio di idee ed esperienze.

Ad un certo punto della storia individuale e sociale, in un fumatore deve essersi creata un’associazione “positiva” tra la sigaretta e il Sé.
In ogni caso, appare evidente che non è il fumo in sé a creare il problema, ma il significato (conscio o inconscio) che ognuno vi associa.

Si potrebbe parlare di una vera e propria mancanza di consapevolezza?

La verità è che, dietro ogni fumatore c’è un universo di difficile interpretazione che rimanda al “piacere” nonostante tutto.

About Francesco Russo

Mi chiamo Francesco Russo, nato a Benevento e residente a Roccabascerana (AV). Amo viaggiare, il trekking, healthy food e la cucina casareccia, strimpello il basso elettrico e nel weekend sono in pista come Marshall. Ho conseguito la Laurea Triennale in Ing. Civile e Ambientale. Ho iniziato ad interessarmi al mondo del Web Marketing e per trasformare questa passione in lavoro ho conseguito presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli il Master in e-Commerce Management. Mi occupo dello sviluppo di e-Commerce, Siti vetrina, Social e Blog, secondo le necessità dei clienti, cerco di interpretare al meglio quella che oggi chiamiamo SEO. Sono una persona di buona volontà, ma non uno specialista Francesco

Vedi Anche

Dieta e mente, nuova ricerca svela la relazione

Numerose ricerche hanno evidenziato nel tempo in che modo una dieta non sana possa essere ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *