Home / Attualità / Perché i bambini possono soffrire d’ansia? E quali sono le loro preoccupazioni principali?

Perché i bambini possono soffrire d’ansia? E quali sono le loro preoccupazioni principali?

L’ansia è un fenomeno in aumento tra adolescenti e bambini. Diversi studi psicologici hanno dimostrato che circa un bambino su otto prova un’ansia significativa. Gli osservatori di questo fenomeno hanno offerto una serie di motivi che individuano il perché i bambini soffrono di ansia sempre di più con l’andare avanti della modernità.

Un dato significativo è il cambiamento nella vita dei bambini che li ha portati ad essere sempre più sedentari a discapito di tutte quelle attività fisiche e di gioco che invece gli permettono di liberare parte delle paure e ansie.

Inoltre, oggi sempre di più in ogni campo della vita c’è maggiore incertezza e questa porta a generare ansia. L’ansia è una risposta ai cambiamenti culturali ed economici. Oggi i genitori esercitano una pressione maggiore sui loro figli rispetto a quanto avveniva una o due generazioni addietro.

Inoltre, i bambini sono più iperprotetti, quindi crescono non solo senza l’opportunità di sviluppare la giusta capacità di risoluzione dei problemi, ma anche senza la convinzione di poter affrontare in modo adeguato le minacce che la vita gli pone dinanzi.

Quando si sviluppa nei bambini la capacità di provare ansia?

Lo sviluppo dell’ansia richiede anche quello cognitivo. I neonati possono avere paure intrinseche ma non provano ansia in quanto non sono in grado di preoccuparsi del futuro. In genere, emerge intorno ai 2 anni di età la possibilità di provare ansia. Anche se ci sono degli studi che hanno dimostrato come i bambini sviluppano la paura, verso gli otto mesi, di essere separati da un caregiver o dalla loro mamma.

La reazione dei bambini piccoli a breve separazioni dai genitori o da coloro che se ne prendono cura genera però un ansia normale a quell’età. E successivamente con lo sviluppo e la crescita che l’ansia da separazione o l’ansia di ciò che li circonda inizia a diventare problematica. Quindi principalmente si sviluppa una maggiore capacità di provare ansia a partire dalle scuole elementari.

Quali sono i motivi che provocano ansia nei bambini?

I bambini si preoccupano di tante cose che possono generare in loro ansia. All’inizio per alcuni problemi l’ansia sovviene a causa di ombre, mostri, cose immaginarie sotto il letto o nell’armadio oppure di altre creature immaginarie.

Mentre si spostano nell’ampio mondo dell’infanzia e crescono le preoccupazioni che provocano ansia diventano più reali. I bambini generano ansia nei confronti della scuola, dei loro genitori e della loro famiglia. Temono le discussioni tra i genitori, hanno paura che divorzino oppure generano ansia pensando che un genitore muoia o se ne vada.

I bambini sono in grado di ascoltare e spesso di comprendere parte delle discussioni degli adulti questo gli comporta una maggiore ansia e preoccupazione, specie se ci sono tensioni familiari dovute a problematiche anche come il lavoro o i soldi. L’ansia intacca i bambini anche nella loro sfera sociale: hanno paura di non essere accettati dai loro coetanei, di essere presi in giro o vittime di bullismo. Inoltre, si preoccupano di commettere errori o di non piacere ai genitori.

Quindi sì i bambini possono sviluppare stati di ansia e spesso le preoccupazioni derivano non solo dalla loro vita sociale ma anche da ciò che percepiscono dal gruppo di adulti intorno a loro.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come leggere il movimento e la posizione dei piedi

La comunicazione non verbale è un importante insieme di indizi rilevatori dello stato d’animo proprio ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.