Home / Attualità / Come identificare gli schemi malsani familiari e spezzare il ciclo
genitori e figli

Come identificare gli schemi malsani familiari e spezzare il ciclo

Come identificare gli schemi malsani della propria famiglia e spezzare il ciclo di errori che si ripete? I traumi e i problemi familiari possono portare nei bambini a un problema che continuerà a ripresentarsi anche in età adulta. I bambini cresciuti in situazioni drammatiche e traumatiche continuano a seguire modelli di comportamenti malsani che hanno provato durante il periodo dell’infanzia.

Ecco perché bisogna normalizzare la situazione prima del tempo e spezzare il ciclo di comportamenti malsani al fine di crescere bambini più sani e in grado di diventare adulti responsabili e non disfunzionali.

Ma come è possibile interrompere quei comportamenti sbagliati che magari i nostri genitori hanno avuto con noi e che adesso ci accorgiamo di avere nei confronti dei nostri figli? Lo possiamo fare attraverso alcuni suggerimenti che ci possono portare a interrompere questi comportamenti disfunzionali.

  1. Riconosci quei comportamenti che sono stati traumatici per te

Il primo passo è riuscire a riconoscere quello che ti è successo e che per te è stato traumatico. Questo è di sicuro uno dei passaggi più complessi ma è essenziale per riuscire a cambiare. Se non riesci ad ammettere con te stesso ciò che è successo il trauma non ha un posto dove atterrare e quindi continua ad essere all’interno del subconscio. Non si tratta di incolpare una persona o un gruppo di persone. Si tratta di accettare la verità di quello che hai vissuto.

  1. Scegli di fare terapia o scrivi un diario

Molte persone scelgono di ammetterlo a sé stesse senza utilizzare un specifico metodo che gli da il giusto input. Quindi è possibile scegliere due soluzioni: seguire una terapia da soli o con il partner oppure andare in terapia. Se si ha una storia di rifiuto, la continua negazione dell’esperienza andrà ad aggravare il trauma che hai subito. La vergogna e difficoltà arriva quando le nostre esperienze sono negate oppure ignorate che è tra gli ostacoli maggiori alla ricerca di aiuto.

  1. Trova supporto e svolgi il giusto lavoro interiore

Il giusto modo per interrompere questo flusso è svolgere un lavoro interiore. Il modo numero uno per riuscire a crescere è lavorare sul trauma. Questo è complesso e doloroso. Certo si sa che è complesso ma bisogna farlo. È possibile trovare un supporto nelle persone al proprio fianco oppure utilizzare dei libri, o sistemi di autoriflessione.

  1. Cerca lo spazio per l’autocompassione

Ogni giorno devi trovare il giusto spazio per l’auto-compassione. I bambini quando crescono in ambienti disfunzionali difficilmente ricevono compassione e il giusto spazio per poter riflettere su sé stessi. Per questo motivo è necessario riflettere su se stessi ed avere la giusta autocompassione. È necessario trovare divertimento nei nostri corpi e nelle nostri menti attraverso la meditazione e mediante lo yoga. Pratiche che permettono di sentirsi meglio e apprezzati.

  1. Sii più aperto alle conversazioni

Devi essere più aperto alle conversazioni con i tuoi cari e con i tuoi figli. Questa è un’area in cui tutti possiamo migliorare in quanto non è mai facile ascoltare in che modo abbiamo influenzato e ferito gli altri. Quando cresciamo in famiglie in cui non si mostra una sana empatia e comunicazione i bambini imparano molto rapidamente che questa tipologia di conversazione è pericoloso. Questi bambini diventano poi adulti che evitano delle conversazioni difficile. Insegnare ai bambini a conversare ed esprimersi è un valido aiuto all’interruzione del ciclo di alcuni comportamenti disfunzionali.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Perché è importante avere uno scopo nella vita

Numerose ricerche dimostrano che avere uno scopo, indipendentemente da quale esso sia, ci fa stare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *