Home / Attualità / Problemi di memoria, scoperta connessione con la sindrome dell’ovaio policistico

Problemi di memoria, scoperta connessione con la sindrome dell’ovaio policistico

Stando a un recente studio pubblicato sull’ultimo numero di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology, le persone che sono affette dalla sindrome dell’ovaio policistico potrebbero avere maggiori probabilità di andare incontro a problemi di memoria e di pensiero nella mezza età. Lo studio non dimostra comunque che la sindrome dell’ovaio policistico causi il declino cognitivo, ponendo in evidenza solo un’associazione.

Ricordiamo che la sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo ormonale caratterizzato da mestruazioni irregolari e livelli elevati di un ormone chiamato androgeno. Altri sintomi possono essere la crescita eccessiva di peli, l’acne, l’infertilità e una scarsa salute metabolica.

“La sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo riproduttivo comune che colpisce fino al 10% delle donne”, afferma l’autrice dello studio Heather G. Huddleston, MD, dell’Università della California, San Francisco. “Mentre è stata collegata a malattie metaboliche come l’obesità e il diabete che possono portare a problemi cardiaci, si sa meno di come questa condizione influisca sulla salute del cervello. I nostri risultati suggeriscono che le persone affette da questa patologia presentano una minore capacità di memoria e di pensiero e sottili cambiamenti cerebrali nella mezza età. Questo potrebbe avere un impatto su molti livelli, tra cui la qualità della vita, il successo professionale e la sicurezza finanziaria”.

Lo studio ha coinvolto 907 partecipanti di sesso femminile che avevano tra i 18 e i 30 anni all’inizio dello studio. Sono state seguite per 30 anni, durante i quali hanno completato dei test per misurare la memoria, le abilità verbali, la velocità di elaborazione e l’attenzione. Al momento del test, 66 partecipanti erano affette dalla sindrome dell’ovaio policistico.

In un test che misurava l’attenzione, le partecipanti guardavano un elenco di parole di colori diversi e veniva chiesto loro di indicare il colore dell’inchiostro piuttosto che leggere la parola vera e propria. Ad esempio, la parola “blu” poteva essere visualizzata in rosso, quindi la risposta corretta sarebbe stata il rosso.

I ricercatori hanno scoperto che in questo test le persone affette da sindrome dell’ovaio policistico hanno ottenuto un punteggio medio inferiore di circa l’11% rispetto alle persone non affette da questa patologia. Dopo aver tenuto conto dell’età, della razza e dell’istruzione, i ricercatori hanno scoperto che le persone affette da sindrome dell’ovaio policistico avevano ottenuto punteggi più bassi in tre dei cinque test somministrati, in particolare nelle aree della memoria, dell’attenzione e delle abilità verbali, rispetto a chi non soffriva di questa condizione.

Ebbene, al 25° e 30° anno dello studio, un gruppo più ristretto di 291 partecipanti è stato sottoposto a scansioni cerebrali. Di queste, 25 avevano la sindrome dell’ovaio policistico. Con le scansioni, i ricercatori hanno esaminato l’integrità dei percorsi della materia bianca nel cervello osservando il movimento delle molecole d’acqua nel tessuto cerebrale.

I ricercatori hanno scoperto che le persone affette da sindrome dell’ovaio policistico presentavano una minore integrità della materia bianca, il che potrebbe indicare una precoce evidenza di invecchiamento cerebrale.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e per determinare come si verifica questo cambiamento, anche esaminando i cambiamenti che le persone possono apportare per ridurre le probabilità di avere problemi di pensiero e di memoria“, ha detto Huddleston. “Apportare cambiamenti come l’aumento dell’esercizio cardiovascolare e il miglioramento della salute mentale può servire a migliorare l’invecchiamento cerebrale in questa popolazione”.

Un limite dello studio è che la diagnosi di sindrome dell’ovaio policistico non è stata fatta da un medico, ma si è basata sui livelli di androgeni e sui sintomi auto-riportati, quindi le partecipanti potrebbero non aver ricordato con precisione tutte le informazioni.

 

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

4 modi per ritrovare l’equilibrio interiore e stare meglio con sé stessi e con gli altri

Un recente studio ha rivelato che la conoscenza e l’esperienza, comprendendo l’autoconsapevolezza, l’autoriflessione, l’empatia e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *