Home / Attualità / Uomini e donne percepiscono il dolore in modo diverso

Uomini e donne percepiscono il dolore in modo diverso

Più di qualcuno lo avrà già intuito, ma secondo un nuovo studio il sistema cerebrale che ci permette di inibire il dolore cambia con l’età e che le differenze di genere in questi cambiamenti possono portare le donne a essere più sensibili al dolore moderato rispetto agli uomini in età avanzata.

I ricercatori hanno utilizzato scansioni fMRI per esaminare le risposte cerebrali di uomini e donne che avevano valutato l’intensità e la sgradevolezza del dolore durante l’esposizione a livelli crescenti di calore. I risultati hanno suggerito che le differenze di genere nella percezione del dolore possono essere ricondotte almeno in parte a questa rete cerebrale e hanno offerto nuove prove del fatto che queste differenze di genere possono diventare più disparate con l’età.

La parte più innovativa di questo studio è l’osservazione del genere in base all’età“, ha dichiarato l’autrice principale dello studio, Michelle Failla, professore assistente presso il College of Nursing della Ohio State University. “La maggior parte del lavoro che caratterizza le regioni cerebrali che rispondono al dolore è stato fatto su persone di età compresa tra i 18 e i 40 anni. Noi vogliamo capire cosa succede tra i 30 e i 90 anni, perché è in quel periodo che le persone iniziano a provare dolore cronico”. Lo studio è stato pubblicato di recente su The Journal of Pain.

Diverse ricerche compiute negli scorsi anni avevano già dimostrato che le donne sono più sensibili al dolore rispetto agli uomini, ma le regioni e le funzioni cerebrali alla base delle differenze di genere nella percezione del dolore sono rimaste per lo più un mistero. Inoltre, in età adulta, quando il rischio di dolore cronico è più elevato e la nostra tolleranza al dolore diminuisce, si sa ancora meno del ruolo del cervello nella percezione del dolore.

In questo studio, invece, i ricercatori hanno specificato di aver esaminato in modo olistico le differenze di genere che potrebbero essere legate non solo al sesso biologico, ma anche a fattori sociali che influenzano il modo in cui le persone rispondono al dolore.

La componente di imaging dello studio si è concentrata sul sistema modulatore del dolore discendente (DPMS), un nodo di regioni cerebrali che comunicano tra loro per attivare la trasmissione dei segnali – compresa l’attivazione dei recettori degli oppioidi – che ci permette di ridurre il nostro dolore.

Il campione dello studio comprendeva 27 donne e 32 uomini di età compresa tra i 30 e gli 86 anni ai quali è stato chiesto di riferire quando il calore applicato raggiungeva livelli di dolore appena percettibile, debole e moderato e di valutare quanto fosse sgradevole ogni livello. I ricercatori hanno utilizzato l’imaging fMRI per osservare l’attività DPMS che corrispondeva alla risposta individuale al dolore di ciascun partecipante.

“Ci sono diverse regioni cerebrali coinvolte in queste distinzioni tra la percezione dell’intensità e della sgradevolezza del dolore, quindi abbiamo pensato che fosse importante esaminare entrambe e vedere come queste regioni cerebrali vengono reclutate durante il dolore“, ha detto Failla, anche ricercatore del Center for Healthy Aging, Self-Management and Complex Care del College of Nursing dell’Ohio State.

I risultati hanno mostrato che alcune regioni del sistema cerebrale di modulazione del dolore indicavano una differenza tra i sessi e le età. In particolare, al livello di dolore moderato, gli uomini hanno mostrato un aumento della risposta DPMS con l’avanzare dell’età, mentre nelle donne la risposta DPMS è diminuita. Si presume che una risposta ridotta nel cervello si traduca in una minore capacità di sfruttare le nostre funzioni fisiologiche per ridurre il dolore.

 

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

film psicologici

Film psicologici: 10 titoli che non potete perdere!

Quello dei film psicologici è un vero e proprio filone narrativo che ogni anno attira ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *