Home / Attualità / Schizofrenia, ecco perché i pazienti “sentono le voci”

Schizofrenia, ecco perché i pazienti “sentono le voci”

Alcune persone affette da gravi malattie mentali, in particolare la schizofrenia, sentono “voci”, o allucinazioni uditive. Un sintomo che affligge oltre l’80% dei pazienti, e che è tra i segni più diffusi della schizofrenia. I pazienti affermano di “sentire le voci” parlare con loro o di loro, senza che nessuno sia presente. Le allucinazioni uditive, che di solito iniziano nell’adolescenza e nella giovane età adulta, “suonano” come molto reali per i pazienti e possono avere un impatto devastante sulla loro qualità di vita perché le “voci” sono tipicamente angoscianti e distraenti, a volte costringendo il malato ad azioni suicide o violente. Scoprire l’origine biologica delle allucinazioni uditive è dunque essenziale per ridurre il loro contributo al carico patologico della schizofrenia.

Ebbene, per poter efficacemente indagare le origini biologiche delle “voci” uditive nei pazienti con schizofrenia, un team guidato dai ricercatori della Icahn School of Medicine del Monte Sinai ha utilizzato l’imaging ad altissimo campo per confrontare la corteccia uditiva dei pazienti schizofrenici con individui sani.

Così facendo, hanno scoperto che i pazienti schizofrenici che hanno sperimentato allucinazioni uditive avevano un’organizzazione tonotopica anomala della corteccia uditiva. Ricordiamo che la tonotopia è la rappresentazione ordinata della frequenza del suono nella corteccia uditiva e che non si basa su operazioni cognitive di ordine superiore. I risultati dello studio, che appare questa settimana sul Nature Partner Journal NPJ Schizophrenia, suggeriscono che la vulnerabilità a sviluppare “voci” è probabilmente nata molti anni prima dell’inizio dei sintomi.

Poiché le allucinazioni uditive si sentono come voci reali, abbiamo voluto testare se i pazienti con tali esperienze hanno anomalie nella corteccia uditiva, che è la parte del cervello che elabora i suoni reali dall’ambiente esterno,” ha affermato Sophia Frangou, MD, PhD, professore di psichiatria presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai. ”

Ebbene, in particolare, il team di ricerca ha affermato di aver utilizzato uno scanner da campo ultra alto con un potente magnete 7 Tesla per ottenere immagini ad alta risoluzione dell’attività cerebrale mentre i partecipanti allo studio ascoltavano passivamente i toni in una gamma di frequenze molto basse o molto alte. Nei cervelli sani, questi suoni sono elaborati in modo molto organizzato; ogni frequenza attiva una parte specifica della corteccia uditiva formando una mappa tonotopica.

Il team ha quindi ottenuto mappe tonotopiche da 16 pazienti con schizofrenia con una storia di allucinazioni uditive ricorrenti e 22 sani partecipanti allo studio. Hanno così scoperto che i pazienti hanno mostrato una maggiore attivazione in risposta alla maggior parte delle frequenze sonore. Inoltre, la mappatura della maggior parte delle frequenze sonore a parti della corteccia uditiva è apparsa “strapazzata” in pazienti con schizofrenia, suggerendo che i normali processi per la rappresentazione organizzata del suono nel cervello sono disturbati dalla schizofrenia.

Poiché la mappa tonotopica è stabilita quando le persone sono ancora neonati e rimane stabile per tutta la vita, i risultati del nostro studio suggeriscono che la vulnerabilità a sviluppare “voci” è legata ad una devianza nell’organizzazione del sistema uditivo che si verifica durante l’infanzia e precede lo sviluppo del linguaggio e l’insorgenza di sintomi psicotici di molti anni. Questo è particolarmente interessante perché significa che potrebbe essere possibile identificare molto presto individui potenzialmente vulnerabili, come la prole di pazienti schizofrenici” – hanno aggiunto gli autori.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

limone-carcinoma seno

Limoni per riconoscere il cancro al seno

Il cancro al seno è purtroppo una malattia che colpisce sempre più donne soprattutto nell’età ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *