Home / Attualità / Sette modi sorprendenti in cui le asimmetrie cerebrali influenzano la tua vita quotidiana

Sette modi sorprendenti in cui le asimmetrie cerebrali influenzano la tua vita quotidiana

Ci sono molti modi in cui le asimmetrie cerebrali influenzano il tuo comportamento. Circa il 10%delle persone è mancino, mentre il 90% è destrorso. Quasi tutti i ragazzi sanno se sono mancini, destrimani o ambidestri. 

La parte sinistra del cervello controlla la parte destra del corpo. Nella mano sinistra, le zone motorie sul lato destro del cervello sono dominanti per le attività che richiedono un alto livello di abilità motorie, come la scrittura. È interessante notare che la manualità non è l’unico esempio di come tali asimmetrie cerebrali influenzino la nostra vita quotidiana. 

Ecco un elenco di sette modi in cui le asimmetrie cerebrali influenzano la nostra vita quotidiana. Oltre alla manualità, c’è  anche la stabilità. Una recente analisi ha riportato che circa il 12.1% delle persone è mancino. Pertanto, la possibilità di essere mancino è notevolmente maggiore per un mancino rispetto a un destro. 

Abbiamo un lato preferito per gli abbracci

Quando abbracciamo qualcun altro guidiamo l’abbraccio con un braccio. Uno studio recente  ha analizzato se le persone si abbracciano preferibilmente con il braccio sinistro o destro. 

Nello studio, le coppie che si abbracciavano sono state osservate e sono stati analizzati video di persone che si bendano gli occhi e si lasciano abbracciare da sconosciuti per strada. 

In generale, le persone preferivano usare il braccio destro per abbracciarsi. Nella situazione emotivamente neutra, in cui estranei hanno abbracciato una persona bendata, il 92% ha abbracciato a destra. 

Tuttavia, quando le persone hanno abbracciato i loro amici o partner in aeroporto, soltanto l’81% circa delle persone si è abbracciato a destra. Pertanto, le emozioni sembrano influenzare le preferenze collaterali del l’abbraccio. L’emisfero sinistro del cervello controlla la metà destra del corpo e viceversa. 

È probabile che questo spostamento verso sinistra dell’abbraccio sia dovuto a un maggiore coinvolgimento dell’emisfero destro del cervello per i processi emotivi durante l’abbraccio in queste situazioni. 

Le persone baciano a sinistra o a destra

Quando baci qualcuno volti la testa a sinistra oppure a destra? La ricerca dimostra che le persone hanno un lato preferito verso cui girare la testa quando si baciano. In uno studio del 2003, l’autore ha osservato coppie mentre si baciavano. L’esito? La maggior parte di noi bacia a destra.

Abbiamo un lato preferito per masticare

Hai un lato preferito per masticare il cibo mentre mangi? Uno studio ha dimostrato che il 56% delle persone mastica in modo costante da un lato, con il 77% di preferenze per il lato destro della bocca e soltanto il 23% per il lato sinistro, mentre il rimanente 44% delle persone masticava alternando lato sinistro e lato destro. 

Abbiamo una guancia preferita da porgere quando posiamo per i selfie

È interessante osservare che la maggior parte di noi mostra una palese preferenza nel porgere una guancia in avanti quando posa per una foto da pubblicare sui social media. Uno studio in cui si sono analizzati 2000 selfie su Instagram riguardanti  la posa della persona fotografata ha dimostrato che il 41% della gente preferisce la guancia sinistra, mentre il 31.5% predilige la guancia destra. 

La maggior parte delle persone culla un bambino sul lato sinistro

Se cullate un bambino quale braccio usate? Nonostante la maggior parte delle persone sia destrimano, la ricerca rivela che mostriamo una preferenza a sinistra per cullare un bimbo.

Abbiamo anche un occhio prediletto

Non preferiamo solo mani e piedi, ma possiamo notare anche preferenze laterali per gli organi sensoriali come gli occhi. Il risultato? Circa il75% delle persone ha mostrato di preferire l’occhio destro, mentre il 25% ha preferito l’occhio sinistro per queste azioni. 

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Perché è importante l’educazione e la scuola per i bambini?

Cosa bisogna aspettarsi quando mandiamo i nostri bambini a scuola? Questa è la celebre domanda ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *