Home / Attualità / Troppo zucchero non fa bene allo sviluppo del cervello dei bambini

Troppo zucchero non fa bene allo sviluppo del cervello dei bambini

I bambini sono i maggiori fruitori di zuccheri aggiunti. Una condizione non certo ideale che, oltre ad avere impatti sulla salute in termini di obesità e malattie cardiache, può compromettere anche la funzione della memoria.

Una nuova ricerca condotta da un team di ricercatori della University of Georgia in collaborazione con un gruppo di ricerca della University of Southern California ha dimostrato in un modello di cavie che il consumo quotidiano di bevande zuccherate durante l’adolescenza compromette le prestazioni su compiti di apprendimento e memoria in età adulta. Il team ha inoltre dimostrato che i cambiamenti nei batteri nell’intestino possono essere la chiave per la compromissione della memoria indotta dallo zucchero.

A sostegno di questa possibilità, hanno scoperto che deficit di memoria simili sono stati osservati anche quando i batteri, chiamati parabacteroides, sono stati arricchiti sperimentalmente nell’intestino di animali che non avevano mai consumato zucchero.

“Lo zucchero in età giovanile ha aumentato i livelli di parabacteroides, e più alti sono i livelli di parabacteroides, peggiore risultano essere i compiti effettuati“, ha detto Emily Noble, dell’UGA College of Family and Consumer Sciences, prima autrice del documento. “Abbiamo scoperto che il batterio da solo era sufficiente a compromettere la memoria allo stesso modo dello zucchero, ma ha anche compromesso altri tipi di funzioni di memoria”.

Sviluppo delle capacità cerebrali: meglio limitare il consumo di zucchero

Le linee guida dietetiche in buona parte del mondo suggeriscono di limitare gli zuccheri aggiunti a meno del 10 per cento delle calorie al giorno. Tuttavia, buona parte dei giovani tende ad eccedere queste soglie, soprattutto a causa delle calorie provenienti da bevande zuccherate.

Considerando il ruolo che l’ippocampo gioca in una varietà di funzioni cognitive e il fatto che l’area è ancora in via di sviluppo nella tarda adolescenza, i ricercatori hanno quindi cercato di capire di più sulla sua vulnerabilità a una dieta ad alto contenuto di zucchero attraverso il microbiota intestinale.

Per far ciò, ai roditori coinvolti nell’esperimento sono stati dati i comuni alimenti a cui però è stata aggiunta una soluzione di zucchero all’11%, che è paragonabile alle bevande zuccherate disponibili in commercio. I ricercatori hanno poi fatto eseguire ai ratti un compito di memoria ippocampo-dipendente progettato per misurare la memoria episodica contestuale, o ricordare il contesto in cui avevano visto un oggetto familiare prima.

Abbiamo scoperto che i ratti che hanno consumato zucchero nei primi anni di vita avevano una ridotta capacità di discriminare che un oggetto era nuovo per un contesto specifico, un compito che i ratti a cui non è stato dato zucchero erano in grado di fare”, ha detto Noble.

Un secondo compito di memoria ha quindi cercato di misurare la memoria di riconoscimento di base, ovvero una funzione di memoria indipendente dall’ippocampo che coinvolge la capacità degli animali di riconoscere qualcosa che avevano visto in precedenza. In questo compito, lo zucchero non ha avuto alcun effetto sulla memoria di riconoscimento degli animali. “Il consumo precoce di zucchero sembra compromettere selettivamente l’apprendimento e la memoria dell’ippocampo”, ha precisato la ricercatrice.

Ulteriori analisi hanno determinato che l’elevato consumo di zucchero ha portato a livelli elevati di parabacteroides nel microbioma intestinale, gli oltre 100 trilioni di microrganismi nel tratto gastrointestinale che svolgono un ruolo nella salute umana e nella malattia.

Per identificare meglio il meccanismo attraverso il quale i batteri impattato memoria e apprendimento, i ricercatori sperimentalmente aumentato i livelli di Parabacteroides nel microbioma di ratti che non avevano mai consumato zucchero. Quegli animali hanno mostrato problemi sia nei compiti di memoria dipendenti dall’ippocampo che in quelli indipendenti dall’ippocampo.

Conclusioni

La domanda ora è come queste popolazioni di batteri nell’intestino alterano lo sviluppo del cervello?” Ha detto Noble. “Identificare come i batteri nell’intestino stanno influenzando lo sviluppo del cervello ci dirà che tipo di ambiente interno il cervello ha bisogno per crescere in modo sano”.

 

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Matrimonio, divorzio e social media: come comportarsi per tutelare se stessi

Diverse ricerche hanno evidenziato come i social network possono avere un influsso negativo sul matrimonio. ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *