Home / Attualità / Un’eccessiva empatia può rendere cattivi genitori, lo conferma uno studio

Un’eccessiva empatia può rendere cattivi genitori, lo conferma uno studio

Uno studio pubblicato dal Journal of Individual Differences ha riportato una scoperta contro-intutiva. Ossia secondo loro i genitori che hanno degli elevati livelli d’intelligenza emotiva hanno più probabilità di diventare “cattivi” genitori. In generale, pensiamo che l’intelligenza di tipo emotivo sia una cosa positiva, in quanto questa è vista come un comportamento protettivo. Infatti, ci sono anche alcuni programmi genitoriali che aumentano l’intelligenza emotiva dei genitori, come beneficio per i figli. Questo studio però ha voluto approfondire l’argomento oltre che l’interazione che un’emotività eccessiva può avere con l’educazione dei propri figli.

Le analisi di regressione e moderazione sul burnout genitoriale

Lo studio ha intervistato 1428 genitori, il cui 91% erano madri. Agli intervistati è stato richiesto di completare due scale: il profilo di competenza emotiva e valutazione del burnout parentale. Dopo di ché è stata effettuata un’analisi multipla sulla moderazione e regressione dell’intelligenza emotiva e la relazione con il proprio essere genitori. Come previsto, i ricercatori hanno identificato come uno specifico tipo di emotività nei genitori prediceva anche il loro burnout. Quindi l’emotività e l’empatia insegna ai genitori a leggere accuratamente le emozioni dei propri figli. Però se le competenze emotive interpersonali eccessive nel tempo è stato delineato come potessero diventare tossiche.

L’effetto tossico di un’eccessiva emotività genitoriale

Un’eccessiva emotività genitoriale può portare a risultati deleteri. In quanto, leggere l’emozioni dei bambini può portare a reazioni negative dei genitori nei confronti dei loro figli. In quanto, un genitore che avverte in maniera eccessiva ciò che prova il figlio, lo può portare a trascurare le sue esigenze per prendersi cura del proprio bambino. Arrivando a un punto in cui non si ha più un’identificazione personale in quanto persona, ma ci si fa alienare dalle emozioni del proprio figlio. Portando di conseguenza a reazioni deleterie, eccesso di ansia e stress e ideazione di fuga dalla genitorialità, amplificando l’angoscia propria e riversandola poi in modo incorretto sul proprio figlio.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come lo stress influisce negativamente sulla memoria

Lo stress può influire negativamente sulla memoria? Secondo gli esperti nel campo della memoria, si ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *