Home / Attualità / 5 modi in cui l’uso eccessivo del cellulare danneggia la salute mentale e 3 soluzioni per liberarsene oggi

5 modi in cui l’uso eccessivo del cellulare danneggia la salute mentale e 3 soluzioni per liberarsene oggi

Se stai leggendo questo articolo sul tuo smartphone, potresti voler fare una pausa. Un recente studio pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health ha evidenziato che l’uso eccessivo del cellulare è correlato a un aumento dei livelli di ansia, depressione e solitudine. E, sorprendentemente, le implicazioni negative non si limitano alla mente: affaticamento degli occhi, dolori cervicali e addirittura aumento di peso sono tra gli effetti collaterali fisici.

Il cellulare è diventato una parte essenziale della vita di molti, simile a un coltellino svizzero del mondo digitale. Può fungere da torcia, sveglia, calendario e molto altro. Tuttavia, questa onnipresenza ha anche un rovescio della medaglia.

Il compagno sempre presente, ma spesso distruttivo

È innegabile che i cellulari offrano divertimento e convenienza. Guardare film, leggere notizie, navigare sui social media sono solo alcune delle innumerevoli attività che possiamo fare. Tuttavia, quando il cellulare diventa la prima cosa che guardiamo al mattino e l’ultima cosa che controlliamo prima di dormire, è un segnale che potrebbe avere un impatto negativo sulla nostra salute mentale.

Eppure oggi è un’abitudine sempre più consolidata. Facciamo tutto con lo smartphone sempre con noi, dal mattino fino alla sera prima di andare a dormire. E questo sovraccarico di informazioni rischia di essere molto dannoso per il nostro cervello e anche per funzioni quali la memoria a breve termine e la capacità di concentrazione.

L’ombra dell’uso eccessivo

L’immersione costante nel mondo digitale può farci perdere il contatto con noi stessi. Mentre scorrere il feed potrebbe sembrare un modo per rilassarsi, potrebbe anche impedire la riflessione personale, mettendo in secondo piano desideri, bisogni e frustrazioni.

La costante connessione ai social media può alterare la percezione della realtà. Le immagini ritoccate e gli standard spesso irrealistici possono alimentare sentimenti di inadeguatezza e gelosia, distorcendo la percezione della propria vita.

Inoltre, quando si privilegia il tempo trascorso sul cellulare, si tende a dedicare meno tempo ad attività creative e si riduce la socializzazione diretta. Infine, la sovraccarica informativa, in particolare da fonti di notizie, può portare a un esaurimento dell’empatia, rendendo difficile elaborare e reagire emotivamente agli eventi mondiali.

La strada per un utilizzo consapevole

Fortunatamente, ci sono modi per riequilibrare la nostra relazione con i cellulari:

  1. Pianificare delle pause: Scegli un momento della settimana in cui spegnerai il telefono per alcune ore. Questo periodo di “detox” ti aiuterà a riconnetterti con te stesso e con l’ambiente circostante.
  2. Riscoprire la creatività: Ogni volta che senti il bisogno di controllare il telefono, prova a fare qualcosa di creativo. Che si tratti di scrivere, disegnare o qualsiasi altra attività, dedicare tempo alla creatività può migliorare l’umore e ridurre lo stress.
  3. Stabilire momenti senza telefono: Crea delle fasce orarie giornaliere in cui il telefono è rigorosamente off-limits. Ad esempio, evita di usarlo durante i pasti, prima di coricarti o quando sei in compagnia. Ciò ti permetterà di vivere il momento presente e di migliorare la qualità delle tue interazioni sociali.

In conclusione, sebbene i cellulari offrano molte comodità, è essenziale utilizzarli in modo consapevole per mantenere una buona salute mentale. La chiave sta nell’equilibrio e nella consapevolezza del proprio comportamento digitale.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Allenarsi a ritmo di musica fa bene

Un team di neuroscienziati giapponesi ha studiato l’impatto dell’esercizio ritmico groove (GREX) sull’attività della corteccia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *