Home / Attualità / Allenarsi a ritmo di musica fa bene
l'importanza della musica nella crescita

Allenarsi a ritmo di musica fa bene

Un team di neuroscienziati giapponesi ha studiato l’impatto dell’esercizio ritmico groove (GREX) sull’attività della corteccia prefrontale e sulle funzioni esecutive.

Già nel 2022 i ricercatori avevano scoperto che il GREX sembrasse stimolare l’attività della corteccia prefrontale in modo da migliorare la cognizione solo se la persona che ascolta un brano mentre si esercita è un cosiddetto “amante del groove“, che è energizzato dal ritmo e che entra automaticamente “nel groove”.

Ebbene, l’ultimo studio del team di ricerca dell’Università di Tsukuba si è concentrato sul tempo necessario a un amante del groove per trarre i benefici del movimento del corpo a ritmo e se un’attività cardio relativamente semplice fosse sufficiente a innescare i benefici cerebrali dell’esercizio a ritmo di groove.

In media, i risultati suggeriscono che solo tre minuti di attività fisica di intensità molto leggera (30% di VO² di picco) – equivalente allo sforzo cardiorespiratorio richiesto per camminare con disinvoltura o per ballare alcuni video di TikTok a basso impatto per tre minuti – sono sufficienti a stimolare l’attività della corteccia prefrontale dorsolaterale e a migliorare la funzione esecutiva come indicato dai punteggi del compito Stroop con parole a colori.

In altri termini, le sensazioni di eccitazione e il senso di “trascinamento audiomotorio” quando i movimenti del corpo di chi pratica il groove si sincronizzano con il ritmo sono direttamente collegate al potenziale di potenziamento cerebrale dell’esercizio del ritmo groove.

Se l’ascolto di musica con un groove ritmico pronunciato suscita un senso di maggiore eccitazione e il ritmo di una canzone risuona in modo tale da farti venire istintivamente voglia di battere i piedi, schioccare le dita, sbattere la testa o muovere il corpo a tempo con il brano, è probabile che tu sia un groove enjoyer.

Non tutti si entusiasmano per la musica con un forte ritmo. Alcune persone non sentono il desiderio incontrollabile di “entrare nel groove” o di “non poter fare a meno” di muoversi a ritmo quando ascoltano una canzone ritmata.

In conclusione, la ricerca ha affermato come l’esercizio ritmico groove (GREX) migliora la funzione esecutiva e l’attività prefrontale negli amanti del groove che provano sensazioni soggettive di eccitazione e trascinamento audiomotorio quando il loro corpo inizia a muoversi a ritmo. Secondo le ultime ricerche, le risposte psicologiche positive osservate nei fruitori del groove predicono l’impatto del movimento a ritmo sulla funzione della corteccia prefrontale.

Fonte: Takemune Fukuie, Kazuya Suwabe, Satoshi Kawase, Takeshi Shimizu, Genta Ochi, Ryuta Kuwamizu, Yosuke Sakairi, Hideaki Soya. “Groove Rhythm Enhances Exercise Impact on Prefrontal Cortex Function in Groove Enjoyers.” Neuroscience (First published: September 05, 2023 DOI: 10.1016/j.neuroscience.2023.08.039

 

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Come scoprire il proprio sè dopo aver subito un trauma

Scoprire il proprio vero sé può essere per alcuni un processo di recupero, mentre per ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *