Home / Attualità / Arriva l’applicazione che rileva l’ansia e la salute mentale

Arriva l’applicazione che rileva l’ansia e la salute mentale

Arriva un’applicazione per rilevare l’ansia e la salute mentale. La nuova applicazione studiata e collaudata dalla Dalhousie University (Halifax) presenta un sistema di rilevazione particolare che servirebbe non solo a monitorare la salute del corpo ma anche quello della mente. I ricercatori che hanno sviluppato quest’applicazione l’hanno chiamata Prosit, ed è stata pensata appositamente per l’individuazione della depressione e dell’ansia. Problemi di salute mentale, che secondo i ricercatori può essere rilevato in base al tipo di utilizzo che fa l’utente del telefono. 

Ansia e depressione: come rintracciarli con un’applicazione

Il sito della CBC ha riferito che l’applicazione tiene conto di diversi parametri. Questi prevedono varie indicazioni come: storico dei messaggi, frequenza delle chiamate, attività fisica svolta, andamento del sonno. Oltre ai gusti musicali e al ciclo del sonno/veglia, ci sono dei dati apparentemente impercettibili come: modifiche dello stato del profilo social o di WhatsApp, velocità con la quale si scrive un messaggio. Inoltre, gli utenti dovranno registrare anche degli audio di 90 secondi al fine di descrivere un momento emozionante che si è vissuto durante la settimana. Infine, l’applicazione chiede un’autovalutazione dei vari sentimenti provati sulla scala da uno a cinque.

Prima di pubblicare quest’applicazione per tutti, i ricercatori universitari hanno deciso di testarla. Le persone che stanno testando quest’applicazione, Prosit, sono trecento e metà degli utenti sono pazienti che stanno seguendo una terapia per disturbi d’ansia e depressione. Date le preoccupazioni che vigono al momento nel campo della privacy, l’applicazione al momento del suo rilascio chiederà a tutti gli utenti la firma di un modulo per il consenso informato.

L’ansia e la depressione, anche se rintracciati dall’applicazione, naturalmente, non possono essere trattate online o con un’app. Ma entrambe sono patologie che se ci si rende conto di dover affrontare, devono essere trattate da un professionista esperto. Un professionista, come uno psicologo oppure uno psicoterapeuta. 

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come lo stress influisce negativamente sulla memoria

Lo stress può influire negativamente sulla memoria? Secondo gli esperti nel campo della memoria, si ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *