Home / Attualità / Capacità di comunicazione: come vengono apprese dai neonati e dai bambini?

Capacità di comunicazione: come vengono apprese dai neonati e dai bambini?

Dal primo momento in cui vengono al mondo, i bambini assorbono informazioni dal loro ambiente e dagli adulti che li circondano, imparando rapidamente come iniziare a comunicare attraverso pianti, suoni, risate e altri tipi di linguaggio infantile. Ma le abilità linguistiche a lungo termine di un bambino sono modellate da come il loro cervello si sviluppa durante l’infanzia? E quanto del loro sviluppo linguistico è influenzato dal loro ambiente e dall’educazione?

A cercare una risposta è stato un team di studiosi della Boston University, che ha dato uno sguardo ravvicinato al legame tra il modo in cui il cervello dei bambini è strutturato nell’infanzia e la loro capacità di imparare una lingua in giovane età, e in che misura il loro ambiente gioca un ruolo nello sviluppo del cervello e del linguaggio.

La nuova ricerca, descritta in un paper pubblicato su Developmental Cognitive Neuroscience, ha scoperto che i percorsi organizzativi del cervello potrebbero porre le basi per le capacità di apprendimento del linguaggio di un bambino entro il primo anno di vita. Questi percorsi – noti come materia bianca- agiscono come connettori tra i miliardi di neuroni – chiamati materia grigia – che compongono il tessuto cerebrale, permettendo lo scambio di segnali e i diversi compiti e funzioni che dobbiamo svolgere, così come tutti i processi biologici che ci sostengono.

Una metafora utile spesso usata è: le vie della materia bianca sono le ‘autostrade’ e le aree della materia grigia sono le ‘destinazioni’“, dichiara Jennifer Zuk, neuroscienziata e logopedista autorizzata della BU, che ha condotto lo studio.

Oltre allo sviluppo della materia bianca, gli scienziati sanno da tempo che anche l’ambiente gioca un ruolo importante nella formazione delle capacità linguistiche di una persona, afferma Zuk. Tuttavia, molte incertezze rimangono se la natura o l’educazione sia più dominante nel determinare la composizione della materia bianca e quanto bene un bambino possa imparare a comunicare.

Nel loro studio, i ricercatori hanno esaminato con la risonanza magnetica il c.d. fascicolo arcuato, che collega due regioni del cervello responsabili della produzione e della comprensione del linguaggio. Usando la risonanza magnetica, i ricercatori hanno misurato l’organizzazione della materia bianca guardando quanto facilmente l’acqua si diffonda attraverso il tessuto, indicando così la densità del percorso.

Secondo i risultati dell’analisi, i bambini nati con maggiori indicazioni di organizzazione della materia bianca avevano migliori capacità linguistiche a distanza di cinque anni, suggerendo che le capacità di comunicazione potrebbero essere fortemente legate alla struttura cerebrale predisposta. Ma non basta.

Forse le differenze individuali nella materia bianca che abbiamo osservato nell’infanzia potrebbero essere modellate da una combinazione di genetica del bambino e del suo ambiente“, dice. “Ma è intrigante pensare a quali fattori specifici potrebbero impostare i bambini con un’organizzazione più efficace della materia bianca all’inizio”. Sebbene i risultati indichino una base per il linguaggio è stabilito nella prima infanzia, “l’esperienza in corso e l’esposizione al linguaggio costruisce su questa base il sostegno ai risultati finali conseguiti dal bambino“, dice Zuk.

Insomma, è durante il primo anno di vita di un bambino che “c’è una reale opportunità per una maggiore esposizione ambientale al linguaggio che possa impostare i bambini per un successo a lungo termine“.

A questo punto, Zuk e i suoi colleghi di ricerca hanno intenzione di continuare a studiare la relazione tra le componenti ambientali e genetiche dell’apprendimento del linguaggio, con l’obiettivo di aiutare i genitori e gli assistenti sanitari a identificare i fattori di rischio precoci nello sviluppo del linguaggio nei bambini piccoli e determinare le strategie per rafforzare le capacità comunicative dei bambini nei primi anni di vita.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

I costi sociali legati alla ricerca della solitudine

Le persone che amano la solitudine hanno più possibilità di essere emarginate dalla società, in ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *