Home / Attualità / C’è un nuovo studio che dimostra che camminare fa bene al tuo cervello

C’è un nuovo studio che dimostra che camminare fa bene al tuo cervello

Un nuovo studio condotto in seno alla University of Maryland School of Public Health ha rivelato che camminare rafforzi le connessioni all’interno e tra tre reti cerebrali, tra cui una associata al morbo di Alzheimer, aggiungendosi alla crescente evidenza che l’esercizio fisico migliora la salute del cervello.

Pubblicato pochi giorni fa sul Journal for Alzheimer’s Disease Reports, lo studio ha esaminato il cervello e le capacità di ricordare la storia di adulti anziani con funzioni cerebrali normali e di quelli a cui è stato diagnosticato un lieve deterioramento cognitivo, un leggero declino delle capacità mentali come la memoria, il ragionamento e il giudizio e un fattore di rischio per l’Alzheimer.

Storicamente, le reti cerebrali che abbiamo studiato in questa ricerca mostrano un deterioramento nel tempo nelle persone con decadimento cognitivo lieve e malattia di Alzheimer“, ha detto J. Carson Smith, professore di kinesiologia presso la School of Public Health e ricercatore principale dello studio. “Diventano scollegati e, di conseguenza, le persone perdono la capacità di pensare chiaramente e di ricordare le cose. Stiamo dimostrando che l’esercizio fisico rafforza queste connessioni”.

Lo studio si basa sulla precedente ricerca dello stesso Smith, che ha dimostrato come la camminata possa diminuire il flusso sanguigno cerebrale e migliorare la funzione cerebrale negli anziani con lieve deterioramento cognitivo.

Trentatré partecipanti, di età compresa tra 71 e 85 anni, hanno camminato con la supervisione di un tapis roulant quattro giorni alla settimana per 12 settimane. Prima e dopo questo regime di esercizi, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di leggere una breve storia e di ripeterla ad alta voce con il maggior numero di dettagli possibile.

I partecipanti sono stati anche sottoposti a risonanza magnetica funzionale, in modo che i ricercatori potessero misurare i cambiamenti nella comunicazione all’interno e tra le tre reti cerebrali che controllano le funzioni cognitive. Dopo 12 settimane di esercizio, i ricercatori hanno ripetuto i test e hanno riscontrato miglioramenti significativi nelle capacità di ricordare le storie dei partecipanti.

“L’attività cerebrale era più forte e più sincronizzata, dimostrando che l’esercizio fisico può effettivamente indurre la capacità del cervello di cambiare e adattarsi“, ha detto Smith. “Questi risultati danno ancora più speranza che l’esercizio fisico possa essere utile per prevenire o aiutare a stabilizzare le persone con decadimento cognitivo lieve e forse, a lungo termine, ritardare la loro conversione in demenza di Alzheimer”.

I ricercatori hanno anche osservato una maggiore attività all’interno della rete di modalità predefinita, della rete di salienza e nelle connessioni tra le tre reti.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Lo stress è contagioso?

Provate a pensarci: quando osservate una persona stressata, a volte iniziate a sentirvi stressati anche ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *