Home / Attualità / L’intelligenza artificiale può aiutarci a combattere la depressione?

L’intelligenza artificiale può aiutarci a combattere la depressione?

L’intelligenza artificiale può essere un valido strumento per trattare le condizioni di malessere nella salute mentale, come ad esempio la depressione?

Stando a quanto elaborano i risultati di un nuovo studio pilota condotto dai ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago, la risposta sembra essere positiva.

Lo studio, il primo a testare un assistente virtuale basato sull’intelligenza artificiale per la terapia comportamentale, ha rilevato cambiamenti nell’attività cerebrale dei pazienti e un miglioramento dei sintomi della depressione e dell’ansia dopo l’uso di Lumen, l’assistente vocale dell’intelligenza artificiale che forniva una forma di psicoterapia.

Il team universitario afferma che i risultati, pubblicati sulla rivista Translational Psychiatry, offrono una prova incoraggiante del fatto che la terapia virtuale può svolgere un ruolo nel colmare le lacune dell’assistenza per la salute mentale, dove le liste d’attesa e le disparità di accesso sono spesso ostacoli che i pazienti, in particolare quelli provenienti da comunità vulnerabili, devono superare per ricevere le cure.

Abbiamo avuto un’incredibile esplosione di bisogni, soprattutto sulla scia del COVID, con un’impennata dei tassi di ansia e depressione e un numero insufficiente di operatori“, ha dichiarato il dottor Olusola A. Ajilore, professore di psichiatria dell’UIC e coautore dell’articolo. “Questo tipo di tecnologia può servire da ponte. Non è pensata per sostituire la terapia tradizionale, ma può essere un’importante tappa prima che qualcuno possa cercare un trattamento”.

Lumen, che funziona come abilità nell’applicazione Amazon Alexa, è stata sviluppata da Ajilore e dall’autore senior dello studio, il dottor Jun Ma, professore di medicina Beth e George Vitoux presso l’UIC, insieme a collaboratori della Washington University di St. Louis e della Pennsylvania State University, con il sostegno di una sovvenzione di 2 milioni di dollari del National Institute of Mental Health.

I ricercatori dell’UIC hanno reclutato più di 60 pazienti per lo studio clinico che esplora l’effetto dell’applicazione sui sintomi di depressione e ansia da lievi a moderati e sull’attività delle aree cerebrali che in precedenza avevano dimostrato di essere associate ai benefici della terapia di problem solving. Due terzi dei pazienti hanno utilizzato Lumen su un iPad fornito dallo studio per otto sessioni di terapia di problem-solving, mentre gli altri sono stati inseriti in una “lista d’attesa” e non hanno ricevuto alcun intervento.

Ebbene, dopo l’intervento, i partecipanti allo studio che hanno utilizzato l’app Lumen hanno mostrato una diminuzione dei punteggi relativi a depressione, ansia e disagio psicologico rispetto al gruppo di controllo. Il gruppo Lumen ha anche mostrato miglioramenti nelle capacità di risoluzione dei problemi, correlati a un aumento dell’attività nella corteccia prefrontale dorsolaterale, un’area cerebrale associata al controllo cognitivo. Sono stati riscontrati risultati promettenti anche per le donne e le popolazioni sottorappresentate.

Si tratta di cambiare il modo in cui le persone pensano ai problemi e a come affrontarli, senza essere sopraffatti emotivamente“, ha detto Ma. “È una terapia comportamentale pragmatica e orientata al paziente, ben consolidata, che si presta bene a essere somministrata con la tecnologia vocale”.

I ricercatori stanno attualmente conducendo uno studio più ampio che confronta l’uso di Lumen con un gruppo di controllo in lista d’attesa e con pazienti che ricevono una terapia di problem-solving con un coach umano. I ricercatori sottolineano che il coach virtuale non ha bisogno di prestazioni migliori di quelle di un terapeuta umano per colmare un bisogno disperato nel sistema di salute mentale.

Il modo in cui dovremmo pensare ai servizi digitali per la salute mentale non è che queste applicazioni sostituiscano gli esseri umani, ma piuttosto che riconoscano il divario tra domanda e offerta e che trovino modi nuovi, efficaci e sicuri per fornire trattamenti a individui che altrimenti non hanno accesso, per colmare questo divario“, ha detto Ma.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

4 modi per ritrovare l’equilibrio interiore e stare meglio con sé stessi e con gli altri

Un recente studio ha rivelato che la conoscenza e l’esperienza, comprendendo l’autoconsapevolezza, l’autoriflessione, l’empatia e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *