Home / Attualità / Come lo stress influisce negativamente sulla memoria

Come lo stress influisce negativamente sulla memoria

Lo stress può influire negativamente sulla memoria? Secondo gli esperti nel campo della memoria, si può avere uno scarso controllo delle proprie capacità mnemoniche nel momento in cui si soffre di problemi di ansia eccessiva, stress post traumatico, stress o depressione. Diversi studi, inoltre, hanno dimostrato come la capacità di soppressione dei ricordi indesiderati, può derivare da un problema neurale che comporta una cattiva sincronizzazione tra la banda di frequenza theta dell’ippocampo e quella della corteccia frontale.

In poche parole, il rilascio del cortisolo (ormone glucocorticoide associato) danneggia la memoria e interferisce di conseguenza anche con la formazione della sinapsi. Questo risultato ha permesso di testare l’effetto immediato d’una singola esperienza o episodio di stress acuto sulla memoria. 

I risultati negativi dello stress sulla memoria

Secondo uno studio effettuato su due gruppi di persone, uno esposto a uno stress acuto e l’altro un gruppo di controllo senza stress. Il primo gruppo è stato sottoposto a uno stress test. Dopo questo test si effettuava una valutazione soggettiva dello stress, della pressione sanguigna dei livelli di cortisolo, che hanno confermato il successo d’induzione allo stress.
Poco dopo l’attivazione di un evento stressante, i partecipanti si sono impegnati in una procedura di pensiero/non pensiero, in cui hanno ripetutamente cercato di recuperare o di sopprimere associazioni tra parole e obbiettivi che erano stati appresi inizialmente, mentre si effettuava la registrazione della magnetoencefalografia. Il MEG è stato analizzato e si è denotata la coerenza spettrale incrociata con l’attività theta dell’ippocampo e della corteccia frontale.

I partecipanti al controllo hanno evidenziato come dopo essere stati sottoposti a uno stress avevano un livello mnemonico molto ridotto durante le prove, rispetto a coloro che invece hanno effettuato il test senza essere sottoposto ad uno stress. Questa dimenticanza indotta alla soppressione d’informazioni però viene abolita passato il momento di stress.

Da dove proviene la compromissione della memoria?

La compromissione del controllo mnemonico non si è compreso se provenisse direttamente dalla produzione del cortisolo. In ogni caso, lo studio ha evidenziato come la dimenticanza è stata indotta dallo stress che di conseguenza era associato all’aumento del livello di cortisolo, portando a una diminuzione della connettività elettrica tra ippocampo e corteccia prefrontale. L’associazione di cortisolo e una memoria indebolita, però non è certa, e si potrebbe pensare a un problema con un ridotto accoppiamento elettrico neurale. Inoltre, non è stato possibile rilevare dallo studio se il cortisolo avesse un’azione diretta o meno sul tipo d’accoppiamento elettrico riportato. 

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come ridurre e superare l’ansia con le tecniche di visualizzazione

L’ansia, sopratutto in questo periodo difficile per la pandemia da COVID-19, è un problema che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *