Home / Attualità / Come ridurre l’ansia quando si inizia un nuovo lavoro

Come ridurre l’ansia quando si inizia un nuovo lavoro

Iniziare un nuovo lavoro è un’esperienza emozionante ma anche carica di ansia e incertezza, un mix di sentimenti che una recente indagine ha riassunto con l’espressione “nervosismo da nuovo lavoro”, riferita dall’87% dei partecipanti. Tuttavia, la parola “nervosismo” potrebbe sembrare riduttiva di fronte alla gamma di emozioni che si prova quando ci si affaccia in un nuovo ambiente lavorativo.

Trovare il proprio spazio in un team già consolidato è una sfida in sé. Gli altri membri conoscono già dinamiche e processi lavorativi, hanno stabilito relazioni di vario grado e condividono una storia comune. In questo contesto, il neofita appare come un estraneo, privo di riferimenti e conoscenze sulle specificità del lavoro e sullo stile manageriale adottato. In termini professionali, si parte inevitabilmente dal basso.

Sorprendentemente, un sondaggio ha rivelato che per il 53% dei lavoratori, iniziare un nuovo impiego è un’esperienza più angosciante di una visita dal dentista, di un incontro ravvicinato con serpenti o ragni e persino del lancio con il paracadute da un aereo.

La situazione può diventare ancora più delicata quando, i nuovi assunti sono individui che hanno vissuto lunghi periodi di disoccupazione, condizione che può minare profondamente la salute mentale e aumentare il livello di stress e ansia connessi all’inserimento in un nuovo contesto lavorativo.

5 metodi per ridurre ansia e stress

Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutare ad abbassare il senso di ansia e stress che sovrasta i lavoratori che iniziano un nuovo impiego. Nello specifico, ecco 5 metodi per riuscire a ridurre l’ansia e integrarsi nel migliore dei modi in un nuovo team.

Coltiva Empatia

Ricordare le proprie esperienze passate può essere un ottimo punto di partenza per costruire empatia. Considera i momenti in cui ti sei unito a un nuovo gruppo. Quali comportamenti specifici hanno alimentato tali sentimenti? D’altro canto, rifletti anche sulle situazioni in cui sei stato accolto calorosamente da un gruppo, sentendoti immediatamente parte integrante. Identifica i comportamenti positivi che hanno facilitato la tua integrazione e cerca di replicarli nel nuovo lavoro.

Ricorda i Nomi

Il nome è un aspetto fondamentale dell’identità di una persona. Fare lo sforzo di ricordare e utilizzare correttamente i nomi dei nuovi colleghi trasmette rispetto e considerazione. Se ti accorgi che fatichi a ricordare i nomi, presentati nuovamente con un sorriso, in modo sicuro e amichevole nei primi giorni cruciali.

Promuovi Inclusione Sociale

L’integrazione sociale è un elemento chiave per riuscire a integrarsi. Invita alcuni dei tuoi colleghi a un pranzo, a un coffee break o a degkieventi dopo il lavoro. Questi momenti informali favoriscono la conoscenza reciproca e la condivisione di esperienze, creando un clima di familiarità e inclusione.

Stabilisci un ritmo

L’inizio in un nuovo ambiente di lavoro può essere travolgente. Considera che è normale sentirsi inadeguati inizialmente. Non devi spaventarti ma semplicemente devi cercare di stabile un ritmo di lavoro costante nel corso delle diverse giornate, fino a quando non ti acclimi in modo adeguato, grazie proprio allo stabilire di una nuova routine.

Mostra Cura e Interesse

La disponibilità e l’attenzione sono fondamentali per creare un ambiente di lavoro sereno e coeso. Chiedere con genuino interesse come sta andando la giornata o offrirsi di aiutare in un compito specifico sono semplici gesti che comunicano supporto e considerazione. Essere attenti al benessere altrui contribuisce a creare un’atmosfera positiva e collaborativa all’interno del team.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Allenarsi a ritmo di musica fa bene

Un team di neuroscienziati giapponesi ha studiato l’impatto dell’esercizio ritmico groove (GREX) sull’attività della corteccia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *