Home / Attualità / Emozioni negative: non sempre sono un fardello! Come possono aiutarci a vivere meglio.

Emozioni negative: non sempre sono un fardello! Come possono aiutarci a vivere meglio.

Le emozioni negative, spesso viste in una luce negativa, possono in realtà svolgere funzioni cruciali nella nostra vita. Emozioni come la rabbia, oltre a sostenere i nostri standard morali, possono galvanizzare il supporto per cause degnissime e giustificate.

Perché riflettere sulle emozioni negative che ci angosciano?

Riflettere su queste emozioni, come la rabbia, la vergogna e il senso di colpa, può giocare un ruolo cruciale nella modifica o riaffermazione delle nostre convinzioni fondamentali.

Il teorico delle emozioni Richard Lazarus ha sollevato interrogativi cruciali riguardo alla negatività associata a determinate emozioni.

Sono etichettate come “negative” a causa dei loro antecedenti, delle sensazioni sgradevoli che suscitano o delle loro conseguenze deleterie? Mentre la rabbia, la paura, l’angoscia, la tristezza, la vergogna e il senso di colpa hanno certamente aspetti negativi, è essenziale esplorare i loro lati positivi.

Le emozioni, come sottolineato da molti, possono riflettere meccanismi evolutivi che in passato avevano un valore adattivo per l’umanità. La questione critica che sorge, tuttavia, riguarda il loro valore nella vita individuale di chi le sperimenta e di coloro che sono influenzati dalla loro manifestazione.

Aristotele, una figura centrale nel pensiero filosofico, era interessato alla rabbia. Pur essendo generalmente vista come una forza distruttiva, se espressa in modo appropriato, la rabbia può avere effetti positivi, portando benefici tanto all’individuo quanto alla società.

Le opinioni radicate e i principi morali profondi sono essenziali quando si esamina la rabbia e altre emozioni negative. Riflettere su queste emozioni può offrire spunti cruciali su come le violazioni percepite degli standard etici e morali siano radicate nelle nostre emozioni.

Il discernimento tra la giustificazione morale di un’emozione e la sua razionalizzazione è cruciale per comprendere le origini e le implicazioni delle nostre reazioni emotive.

Le emozioni morali come la rabbia, la vergogna e il senso di colpa giocano ruoli vitali nella nostra auto percezione e autovalutazione. La riflessione su queste emozioni può rivelare sia i nostri standard comportamentali sia le credenze disfunzionali che causano emozioni negative ingiustificate.

Emozioni negative: non sempre un fardello

Le emozioni negative non devono sempre essere viste come un fardello, ma piuttosto come una preziosa fonte di informazioni. Tali emozioni possono funzionare come segnali illuminanti, indicandoci situazioni o circostanze che richiedono attenzione e riflessione.

Ad esempio, quando sperimentiamo rabbia, vergogna o senso di colpa, queste emozioni potrebbero essere segnali di allarme che indicano una violazione percepita dei nostri valori e principi fondamentali.

Queste “emozioni informative” possono servire come spunti per un’indagine più profonda e critica sui principi e valori coinvolti nella situazione. Inoltre, riflettendo su tali emozioni, possiamo anche prendere decisioni informate su sé le basi su cui giudichiamo il comportamento – sia il nostro che quello degli altri – siano valide e appropriate.

Questo processo di riflessione su emozioni apparentemente negative può quindi rivelarsi costruttivo, poiché facilita la comprensione più profonda delle nostre reazioni emotive, consentendoci di navigare e gestire meglio la complessità delle nostre vite quotidiane.

Come le emozioni negative influiscono sulla motivazione

Le emozioni giocano un ruolo cruciale nella motivazione, influenzando direttamente le nostre azioni, i sentimenti e le percezioni. Questa connessione tra emozioni e motivazione regola l’energia che investiamo nelle varie attività quotidiane, intensificandola o attenuandola a seconda della situazione.

Prendiamo, ad esempio, la rabbia. Quest’emozione, contrariamente ad altre emozioni negative, possiede una peculiarità: è in grado di generare una motivazione volta all’azione, caratteristica che condivide con le emozioni positive.

In altre parole, la rabbia, quando sperimentata, può spingerci sia ad avvicinarci che ad allontanarci da determinate situazioni o obiettivi.

Quando la rabbia scaturisce dalla frustrazione di non riuscire a raggiungere un risultato desiderato, che sia un ideale astratto o un obiettivo concreto come una promozione lavorativa, si attivano in noi una serie di reazioni.

Queste reazioni, che vanno da un atteggiamento più aggressivo a cambiamenti fisiologici, intensificano la nostra motivazione, indirizzandoci con forza verso la realizzazione dell’obiettivo che sembra essere bloccato o ostacolato, evidenziando così un lato potenzialmente positivo della rabbia.

Inoltre, le emozioni ci forniscono informazioni preziose riguardo alle nostre motivazioni intrinseche.

Analizzando e riflettendo sulle emozioni negative che proviamo, possiamo scoprire disallineamenti tra la realtà e le nostre aspettative o standard di valutazione, che possono riguardare vari ambiti della vita come la morale, l’etica, l’estetica, i piaceri, le preoccupazioni, le paure, i sogni o il significato e lo scopo della vita.

Le emozioni, in questo contesto, sono rappresentazioni mentali che evidenziano ciò che desideriamo o ciò che vorremmo evitare. In entrambi i casi, fungono da potenti motivatori.

Quando ci accorgiamo che le nostre aspettative vengono disattese, la tipologia e l’intensità dell’emozione che ne deriva, insieme alla motivazione ad avvicinarci o allontanarci dalla fonte del disagio, diventano essenziali per comprendere il conflitto interno e l’ambivalenza che sperimentiamo.

In sintesi, le emozioni, e in particolare quelle negative, non sono solo reazioni passive, ma veicoli informativi che ci permettono di comprendere meglio le nostre motivazioni profonde, agendo come bussola nella navigazione della complessità della vita.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Allenarsi a ritmo di musica fa bene

Un team di neuroscienziati giapponesi ha studiato l’impatto dell’esercizio ritmico groove (GREX) sull’attività della corteccia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *