Home / Psicologia / Depressione, anche le persone anziane ne soffrono: come aiutarle?
La depressione è in aumento fra le persone anziane, cosa fare?

Depressione, anche le persone anziane ne soffrono: come aiutarle?

Quando parliamo di depressione, solitamente facciamo riferimento ad un target di persone adulte; gli ultimi dati dell‘OMS ci parlano di un aumento di circa il 18% in più nell’ultimo decennio.

Ma la cosa che deve far riflettete maggiormente è che la depressione è in forte aumento nelle persone anziane: il 7,5% nelle donne e il 5,5% negli uomini.

Ma perché gli anziani sono depressi?

Sicuramente il primo dato importante è legato all’aumento della popolazione mondiale e quindi dell’aspettativa di vita. E’ ovvio che vivendo più a lungo, è più facile incappare in fenomeni depressivi.

Ma vediamo più da vicino i reali fattori che provocano depressione negli anziani:

  1. l’aumento della popolazione anziana amplifica le condizioni di svantaggio che aumentano il rischio di sintomi depressivi;
  2. il disagio interiore dovuto alla solitudine che porta a fenomeni depressivi e a spiacevoli conseguenze come può essere il rifiuto del cibo;
  3. le nuove scoperte anche i termini medici hanno cronicizzato alcun malattie; così  l’anziano vive più a lungo ma certe volte in uno stato di sofferenza fisica e anche depressiva;
  4. il senso di alienazione e di rassegnazione dovuto all’inevitabile conto alla rovescia con il tempo che passa. L’anziano si accorge che la sua vita è al termine e si deprime sempre di più.

Come aiutare le persone anziane ad uscire dalla depressione?

Aldilà dei soliti consigli, un suggerimento importante per aiutare una persona anziana che si sente sola e depressa, potrebbe essere quello di invogliarla a frequentare un percorso di pet-therapy, fondamentale per ristabilire un contatto positivo con il mondo circostante.

Gli animali sono da sempre un valido aiuto nelle patologie legate alla depressione. Perché quindi non adottare un cucciolo e regalarlo ad una persona anziana che sta sola?

Oltre a fare del bene all’animale in questione, farete sicuramente un atto concreto di amore anche nei confronti della persona anziana che può sentirsi di nuovo attiva e stimolata nel prendersi cura del cucciolo e ritrovare così un benessere interiore.

Vedi Anche

Il tempo da dedicare ai propri figli, meglio di quantità o di qualità?

Al giorno d’oggi, i ritmi di vita delle famiglie sono sempre più accelerati e frenetici, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *