Home / Benessere e Salute / Dipendenza da zuccheri come combatterla
dipendenza da dolci
dipendenza da dolci

Dipendenza da zuccheri come combatterla

I dolci sono il punto debole di molte persone, il rischio per la salute nel consumo costante ed eccessivo è però dietro l’angolo e la dipendenza da dolci è una problematica che colpisce molte persone. Smettere di mangiare dolci o anche solo ridurne il consumo diventa in certi casi davvero problematico soprattutto se ci si trova in condizione di sovrappeso e si deve iniziare una dieta volta alla perdita del peso.

Vediamo quindi quali sono i sintomi della dipendenza da zuccheri e come combatterla con qualche piccola azione autonoma.

Sintomi tipici della dipendenza da zuccheri

I sintomi riconosciuti come dipendenza da zuccheri sono:

  • emicrania
  • vertigini
  • aumento della allergie
  • rischio di calcoli renali
  • assorbimento troppo rapido degli zuccheri nel sangue
  • abbassamento del livello di vitamina E, di calcio e proteine
  • scarsi livelli di colesterolo buono
  • aumento di colesterolo cattivo e trigliceridi
  • mancanza di cromo

Tutti questi sintomi fra loro sono dei campanelli di allarme e provocano notevoli sbilanciamenti al nostro organismo, per questo è necessario imparare a ridurre il consumo di zuccheri.

 

Dipendenza da dolci come combatterla

Cominciamo sicuramente col rivolgerci ad un nutrizionista che ci possa seguire in questo passo di variazione del nostro regime alimentare ma è importante anche sapere che per combattere la dipendenza da dolci si può cominciare con delle semplici azioni anche da soli, basta solo la forza di volontà e la convinzione di smettere di consumare dolci e zuccheri.

Le azioni da mettere in pratica per combattere la dipendenza da dolci sono:

  • ridurre il consumo di caffé, cominciando fin da subito a berlo senza zucchero soprattutto se lo si beve al mattino per colazione. Si perché bere il caffé con lo zucchero fa alzare subito l’indice glicemico portandolo alle stelle,
  • una volta ridotto il caffé cercare di eliminarlo del tutto sostituendolo con té verde, ricco di proprietà antiossidanti e ottimo drenante,
  • bere molta acqua,a piccoli sorsi durante la giornate, permette di combattere la fame nervosa,
  • evitare i carboidrati semplici come pasta e pane bianco che contengono zuccheri e aumentano l’indice glicemico, facendo desiderare di consumare sempre dolci.
  • utilizzare spezie nella cottura dei cibi.

 

About Silvia

Copywriter e Blogger. Nel 2008 ho conseguito il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. (per Contatti : sylviaterracciano[@]gmail.com )

Vedi Anche

perdere peso una questione mentale

Perdere peso anche una questione mentale

Chi di noi non si è messo a dieta almeno una volta nella sua vita, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *