Home / Attualità / Fusi del sonno: come possono regolare l’ansia?

Fusi del sonno: come possono regolare l’ansia?

Un recente studio dimostra che i fusi del sonno, brevi esplosioni di attività cerebrale che si verificano durante una fase del sonno e che vengono catturate dall’EEG, possono regolare l’ansia nelle persone con disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Lo studio fa luce sul ruolo dei fusi nell’alleviare l’ansia nel PTSD e conferma il loro ruolo consolidato nel trasferimento di nuove informazioni alla memoria a lungo termine. I risultati sfidano il recente lavoro di altri ricercatori che hanno indicato che i fusi possono aumentare i pensieri intrusivi e violenti nelle persone con PTSD.

Questi risultati possono essere significativi non solo per le persone con PTSD, ma anche per quelle con disturbi d’ansia“, ha dichiarato l’autrice senior Anne Richards, MD, MPH, del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell’UCSF, del Weill Institute for Neurosciences e del San Francisco VA Medical Center. “Esistono metodi non invasivi che potrebbero sfruttare i benefici di questa fase del sonno per dare sollievo ai sintomi“, ha aggiunto.

I ricercatori hanno arruolato 45 partecipanti che avevano tutti subito un trauma da combattimento o non da combattimento; circa la metà aveva sintomi moderati di PTSD e l’altra metà aveva sintomi più lievi o era asintomatica. I ricercatori hanno studiato i fusi durante il sonno non-rapid eye movement 2 (NREM2), la fase del sonno in cui si verificano principalmente, che comprende circa il 50% del sonno totale.

Nello studio, i partecipanti hanno partecipato a una “visita di stress” in cui sono state mostrate immagini di scene violente, come incidenti, violenza bellica, lesioni o mutilazioni umane e animali, prima di un pisolino monitorato in laboratorio che ha avuto luogo circa due ore dopo.

Le indagini sull’ansia sono state condotte subito dopo l’esposizione alle immagini e dopo il sonnellino, quando è stato testato il ricordo delle immagini. I ricercatori hanno anche confrontato i livelli di ansia nella visita di stress con quelli di una visita di controllo senza esposizione alle immagini.

I ricercatori hanno riscontrato che la frequenza dei fusi era più alta durante la visita di stress rispetto alla visita di controllo. “Questo fornisce una prova inconfutabile che lo stress è un fattore che contribuisce ai cambiamenti del ritmo del sonno specifici per i fusi”, ha dichiarato il primo autore Nikhilesh Natraj, PhD, del Dipartimento di Neurologia dell’UCSF, del Weill Institute for Neurosciences e del San Francisco VA Medical Center. In particolare, nei partecipanti con maggiori sintomi di PTSD, l’aumento della frequenza dei fusi dopo l’esposizione allo stress ha ridotto l’ansia dopo il sonnellino.

I sonnellini dello studio sono avvenuti poco dopo l’esposizione a immagini violente, il che fa sorgere la domanda se il sonno che si verifica giorni o settimane dopo il trauma possa avere lo stesso effetto terapeutico. I ricercatori ritengono che ciò sia probabile e indicano interventi che potrebbero innescare i fusi associati al sonno NREM2 e giovare ai pazienti con disturbi da stress e ansia.

I farmaci da prescrizione, come l’Ambien, sono un’opzione che dovrebbe essere studiata ulteriormente, “ma una grande domanda è se i fusi indotti dai farmaci possono anche portare alla serie completa di processi cerebrali associati ai fusi che si verificano naturalmente”, ha detto Richards.

La stimolazione elettrica del cervello è un’altra area da studiare ulteriormente, hanno detto i ricercatori. “La stimolazione elettrica transcranica, in cui piccole correnti vengono fatte passare attraverso il cuoio capelluto per aumentare i ritmi dei fusi, o la cosiddetta riattivazione mirata della memoria, che prevede l’uso di uno spunto, come un odore o un suono, usato durante una sessione sperimentale e riproposto durante il sonno, possono indurre i fusi”, ha detto Natraj.

Al posto di queste invenzioni, l’igiene del sonno è sicuramente un modo semplice e a costo zero per assicurarsi di entrare nelle fasi del sonno in modo appropriato, massimizzando così i benefici dei fusi nell’immediato dopo un episodio stressante“, ha aggiunto.

Il prossimo progetto dei ricercatori è quello di studiare il ruolo dei fusi nel consolidamento e nella riproduzione di ricordi intrusivi e violenti molte settimane dopo l’esposizione al trauma.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Come aiutare i bambini a sviluppare una maggiore resilienza

L’attuale panorama sociale e sanitario ha messo in luce una crescente crisi nella salute mentale ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *