Home / Attualità / I bambini imparano nuove parole mentre dormono

I bambini imparano nuove parole mentre dormono

I bambini imparano le parole a un ritmo vertiginoso. E, per saperne di più sul loro meccanismo di apprendimento, i ricercatori del Center for Mind and Brain presso l’Università della California, Davis, hanno per la prima volta scoperto in che modo specifiche regioni del cervello si attivano nel momento in cui i bambini di due anni ricordano parole appena apprese… mentre stanno dormendo. Il lavoro è stato pubblicato lo scorso 19 ottobre sulla rivista Current Biology.

Possiamo sfruttare il sonno per osservare i meccanismi di base dell’apprendimento di nuove parole“, ha detto Simona Ghetti, docente al Center for Mind and Brain e al Dipartimento di Psicologia della UC Davis.

In particolare, ricorda Ghetti, a due o tre anni i bambini entrano in un’età unica nello sviluppo della memoria. Tuttavia, i bambini piccoli sono particolarmente difficili da studiare, e soprattutto non amano (giustamente!) stare in un dispositivo di risonanza magnetica funzionale. “Le cose più spaventose per i bambini piccoli sono il buio e i rumori forti, ed è così che è durante una risonanza magnetica“, ha detto Ghetti.

Il team di Ghetti aveva già scoperto che se i bambini si addormentavano in uno scanner mentre non era in funzione, potevano in seguito avviare la scansione e vedere l’attivazione del cervello in risposta alle canzoni che i bambini avevano sentito in precedenza. Nel nuovo studio, hanno esaminato come i bambini hanno conservato i ricordi delle parole.

Quindi, Ghetti e un suo collaboratore, Elliott Johnson, hanno creato una serie di parole inventate, ma dal suono realistico, come nomi per una serie di oggetti e pupazzi. Nella prima sessione, i bambini di due anni sono stati introdotti a due oggetti e due pupazzi, poi testati sulla loro memoria dei nomi dopo pochi minuti. Una settimana dopo, sono tornati e sono stati testati per vedere se ricordavano i nomi degli oggetti e dei pupazzi. Subito dopo il secondo test, hanno dormito una notte in uno scanner per la risonanza magnetica. I ricercatori hanno qui riprodotto le parole che i bambini avevano imparato, così come altre parole, mentre dormivano.

L’attivazione dell’ippocampo nell’apprendimento

I ricercatori hanno individuato l’attivazione dell’ippocampo e del lobo temporale mediale anteriore nel processo di apprendimento delle parole che i bambini avevano precedentemente imparato. Questa attivazione era correlata a quanto bene avevano fatto quando avevano inizialmente imparato le parole una settimana prima.

“Questo suggerisce che l’ippocampo è particolarmente importante per stabilire la memoria iniziale delle parole”, ha detto Ghetti. “Questo si confronta abbastanza bene con i risultati dei bambini più grandi e degli adulti, dove l’ippocampo è associato all’apprendimento e al richiamo dei ricordi recenti” ha aggiunto Johnson.

L’esperto ricorda infine che sebbene i bambini piccoli siano in grado di formare rapidamente i ricordi di nuove parole, in realtà stanno anche perdendo molti altri ricordi. Quando formiamo un ricordo, infatti, ciò include il contesto: dove, quando, cos’altro stava succedendo. Ma se abbiamo appena imparato il nome di un oggetto, non abbiamo bisogno di ricordare il contesto per usare di nuovo la parola.

 

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Matrimonio, divorzio e social media: come comportarsi per tutelare se stessi

Diverse ricerche hanno evidenziato come i social network possono avere un influsso negativo sul matrimonio. ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *