Home / Attualità / In che modo la nostra personalità può influenzare la nostra felicità?

In che modo la nostra personalità può influenzare la nostra felicità?

Secondo studi recenti, la personalità presenta delle caratteristiche che potrebbero influenzare il raggiungimento e la percezione della felicità, in quanto sarebbero proprio alcune condizioni a favorirne la comparsa.

Anche le circostanze esterne sono fondamentali per questo stato di estasi, ma il nostro carattere presenta dei risvolti scientifici che molti di non hanno mai pensato di prendere in considerazione.

In base a delle ricerche mirate, è emerso che solamente il 15% dello stile di vita di una persona può dipendere dall’ambiente nel quale essa vive, mentre tutte le altre cose sono imputabili alla personalità stessa, in quanto sarà il modo di reagire che ci permetterà di relazionarci e ritagliarci dei momenti di pura felicità.

Ecco perché diventa fondamentale migliorare le condizioni della nostra vita interiore, delle nostre abitudini e di tutto ciò che potrebbe favorire l’insorgenza della felicità, in quanto la sede di questa sarebbe proprio la nostra personalità.

Tutto il resto, ovvero una parte molto piccola, dipende dai filtri interni che ogni giorno utilizziamo per raggiungere le nostre conclusioni e mettere in atto quegli atteggiamenti che ci permettono di sentirci a nostro agio con noi stessi e con gli altri.

Esistono però delle particolari condizioni che favorirebbero la presenza della felicità.

Scopriamole insieme.

Un basso livello di nevroticismo

Le nevrosi, meglio note anche come nevroticismo, sono delle predisposizioni che ognuno di noi ha verso i sentimenti negativi come ansia, tristezza, rabbia, senso di colpa e depressione.

Ovviamente si tratta di risposte naturali che ognuno di noi può mettere in atto liberamente, ma che se presenti in maniera continua nel tempo possono risultare incompatibili con il benessere e la felicità.

Soffrire di bassi livelli di nevroticismo favorirebbe la comparsa della felicità, in quanto sono proprio le persone più tranquille a farsi meno paranoie e a godere di questa grande occasione.

Un senso di positività

La positività invece, è la propensione a provare le emozioni positive come l’amore, la gioia, la speranza, la gratitudine, l’empatia e la compassione. 

Attraverso questa facoltà è più facile percepire il mondo e arrivare a delle conclusioni prendendo come riferimento delle scelte positive.

Le persone dotate di un alto livello di positività infatti, cercano di vedere e vivere la vita con ottimismo, adottando la resilienza come metodo per andare avanti e fronteggiare ogni tipo di avversità.

Si tratta quindi di un ottimo rimedio dal punto di vista psicologico e fisico.

La benevolenza

Le persone più felici sono più aperte alle relazioni sociali, in quanto riescono a mettere in atto degli atteggiamenti di disponibilità e generosità completamente sinceri.

Queste persone riescono a dare vita a delle relazioni sane e sono capaci di sentirsi bene in ogni momento, sfruttando tutte le virtù e le componenti che permettono di esaltare il valore della felicità stessa.

 La curiosità

Per quanto riguarda la curiosità invece il discorso non è molto diverso, in quanto le persone felici tendono ad interessarsi a diversi argomenti, anche quelli molto lontani dalle loro preferenze.

Le persone curiose non sono concentrate su se stesse ma sono attratte da tutto ciò che le circonda, ragione che le spinge a dedicare del tempo agli altri e all’esplorazione di nuovi stili di vita.

È possibile cambiare la propria personalità per essere più felici?

Molte persone si chiedono se cambiare la propria personalità e lavorare sul proprio carattere possa facilitare l’avvento della felicità.

Secondo molte scuole di pensiero, il cambiamento è possibile ma non è facile da attuare, in quanto una personalità non può essere cambiata da zero, ma viene plasmata in merito a tutte le situazioni che ha vissuto nel corso della sua vita.

Bisogna quindi agire gradualmente e mettere in atto quei cambiamenti che potrebbero favorire la comparsa della felicità senza privarci della nostra identità sociale e privata.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

ansia adolescienziale

Cosa succede al nostro cervello quando proviamo ansia?

Immagina di trovarti in un bel prato a raccogliere fiori. Immagina anche di sapere che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *