Home / Psicologia / Innamorarsi, tutto merito dei neurotrasmettitori: ecco cosa avviene nella nostra mente
ecco gli elementi che ci fanno innamorare di una persona al posto di un'altra

Innamorarsi, tutto merito dei neurotrasmettitori: ecco cosa avviene nella nostra mente

Credo che questa che sto per porre è la domanda a cui tutti noi, da sempre cerchiamo una spiegazione: perché ci innamoriamo di una particolare persona e non di un’altra? Che cosa spinge la nostra mente e il nostro cuore ad innamorarsi?
Una grossa sfida per psicologi e psicoterapeuti che da sempre cercano di dare una spiegazione alle emozioni che proviamo, senza però un risultato attendibile.

Ciò che avviene nella nostra mente a livello di emozioni resta un fatto difficile da comprendere perché le emozioni si addentrano e si intrecciano con la nostra personalità, con le esperienze che abbiamo vissuto e con i nostri desideri. Ecco perché sono così differenti da soggetto a soggetto e pertanto inspiegabili razionalmente.

Innamoramento: c’è una base scientifica

A tutti piace pensare all’innamoramento come a qualcosa di magico, di fantastico, un po’ come siamo abituati a credere nelle favole. E intorno all’innamoramento verso l’una o l’altra persona, ci piace costruire il nostro sogno e credere che tutto avviene per mezzo del cuore.
Senza voler distruggere i sogni, ma siamo abbastanza adulti per capire che l’innamoramento ha tuttavia una base scientifica: cosa avviene nel nostro cervello quando siamo innamorati?
Nulla di romantico purtroppo, ma semplicemente una mescolanza di neurotrasmettitori, quali endorfine, encefaline e la feniletilammina che messi insieme ci fanno provare quella strana sensazione di felicità, che noi chiamiamo amore.

Ecco perché ci innamoriamo: gli elementi per attivano i neurotrasmettitori

Ma cosa succede nel nostro cervello che ci fa attivare questo meccanismo a favore di una persona piuttosto che di un’altra?

Sono 3 gli elementi che ci portano ad attivare questi neurotrasmettitori:

  1. Ammirazione verso una persona: non è difficile che siamo attratti da un uomo o una donna perché ammaliati ed ammirati dal loro essere, ad esempio estroversi, sicuri, teneri, il più delle volte diversi da noi.
  2. Similitudine: ci si può innamorare di una persona che ha una qualche similitudine con un membro nella nostra famiglia o con qualcuno che ci ha fatto star bene (ad esempio che ci ricordi il padre o la madre con cui abbiamo un buon rapporto).
  3. Corrispondenza: sulla base di questa teoria ci innamoriamo di persone con cui abbiamo una particolare corrispondenza, ovvero una storia di vita affine ( ad esempio un esperienza dolorosa vissuta…).

 

Vedi Anche

Drunkorexia: sintomi e conseguenze

La drunkorexia sembra essere la malattia del nuovo secolo, termine coniato nel 2008 dai media popolari ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *