Home / Psicologia / L’ira passiva: come riconoscere la rabbia non manifesta nelle persone

L’ira passiva: come riconoscere la rabbia non manifesta nelle persone

Abbiamo già dato una definizione della rabbia, o ira, una delle emozioni di base che caratterizza tanto l’essere umano quanto la maggior parte degli animali.

Se esistono diversi tipi di rabbia in relazione alla causa della stessa, esistono anche diversi modi di manifestarla. Tra questi troviamo due gruppi principali, che sono l’ira passiva e l’ira attiva.

La seconda è semplice da capire: quando si aggrediscono gli altri, o si fa un’azione attiva, siamo nella parte appunto attiva; più difficile da riconoscere è l’ira passiva, nelle sue sfaccettature che andiamo a vedere.

1. L’elusività

Quando una persona volta le spalle agli altri, si tira indietro e a volte diventa addirittura fobico, ha paura di affrontare una situazione, questa potrebbe essere una manifestazione di rabbia, e non di timore.

Saperla riconoscere è molto importante, perché la persona è arrabbiata verso qualcuno o qualcosa, non ne è impaurita; porta le energie dentro di sé, ma le energie ci sono e sono disponibili. E’ importante anche saperla riconoscere in noi stessi, per capire verso chi o cosa siamo arrabbiati.

PAGINA SEGUENTE ->

About Valerio Guiggi

Autore: Redattore da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche. "A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere. (Carl Gustav Jung)" ( per Contatti : valerioguiggi[@]gmail.com )

Vedi Anche

Viaggiare da soli: 5 vantaggi psicologici

L’idea di un viaggio in solitaria è spaventosa per molte persone. Viaggiare da soli, magari ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *