Home / Psicologia / L’Ira Attiva: le conseguenze dell’essere arrabbiati e come agire

L’Ira Attiva: le conseguenze dell’essere arrabbiati e come agire

Abbiamo parlato, in questi giorni, di una delle emozioni di base della nostra psicologia, che è la rabbia. L’ira, che è la definizione giusta, si manifesta in diversi modi in relazione a come ci poniamo, come abbiamo già visto.

I modi in cui l’ira si manifesta, invece, sono due: c’è chi la “tiene dentro”, e in questo caso si parla di ira passiva, e c’è chi invece sfoga la sua energia verso l’esterno, nell’ira attiva di cui ci occupiamo oggi: andremo infatti a vedere quali sono i comportamenti di rabbia che dobbiamo riconoscere, negli altri o in noi stessi, per limitarli; le conseguenze, infatti, potrebbero non essere dirette nei confronti della persona/situazione con cui si è arrabbiati, ma anche verso altre cose (ad esempio, rompere un piatto nel muro).

1. L’ira distruttiva

L’esempio più tipico di ira attiva è l’ira distruttiva, nella quale si distrugge qualcosa. Si pensa subito al piatto e in generale agli oggetti, pugni sul tavolo e così via, ma si possono anche distruggere rapporti con altre persone, piuttosto che distruggere noi stessi (con la droga).

Per evitare queste conseguenze è importante capire, in noi o nell’altro, qual è l’oggetto della rabbia per poi poter trovare una soluzione perché non siano compromessi altri aspetti della vita.

PAGINA SEGUENTE ->

About Valerio Guiggi

Mi chiamo Valerio Guiggi, redattore da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche. "A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere. (Carl Gustav Jung)"  (per contatti valerioguiggi[@]gmail.com)

Vedi Anche

ipersessualità

Cos’è l’ipersessualità?

Cos’è l’ipersessualità? No, non è quello che stai pensando! Cos’è? Allora, la dipendenza dal sesso, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *