Home / Attualità / Lo stress da pandemia può alterare il ciclo mestruale?

Lo stress da pandemia può alterare il ciclo mestruale?

Le donne che hanno le mestruazioni hanno sperimentato maggiori irregolarità nel loro ciclo mestruale a causa dell’aumento dello stress durante la pandemia di COVID-19. A rivelarlo è un nuovo studio della Northwestern Medicine, il primo di questo tipo, negli USA, che ha valutato l’impatto dello stress sui cicli delle donne.

Per arrivare a tale conclusione lo studio ha intervistato più di 200 donne per capire meglio come lo stress durante la pandemia COVID-19 abbia influenzato i loro cicli mestruali. Ebbene, più della metà (54%) delle donne nello studio ha sperimentato cambiamenti nel loro ciclo mestruale dopo l’inizio della pandemia COVID-19, nel marzo 2020.

In particolare, le donne che hanno sperimentato livelli più elevati di stress durante la pandemia COVID-19 erano più propense a sperimentare un ciclo mestruale più pesante e una maggiore durata del loro periodo, rispetto agli individui con livelli di stress moderati.

Lo studio, denominato “Impact of Stress on Menstrual Cyclicity During the COVID-19 Pandemic: A Survey Study“, è stato pubblicato lo scorso 28 settembre nel Journal of Women’s Health e fornisce una migliore comprensione di come la pandemia da COVID-19 abbia avuto un impatto sulla salute mentale e riproduttiva delle donne.

Sappiamo che lo stress aggiunto può avere un impatto negativo sulla nostra salute e benessere generale, ma per le donne che hanno le mestruazioni, lo stress può anche interrompere i normali schemi del ciclo mestruale e la salute riproduttiva generale“, ha detto l’autore principale e corrispondente Nicole Woitowich, assistente professore di ricerca di scienze sociali mediche alla Northwestern University Feinberg School of Medicine.

La ricerca precedente ha scoperto che le irregolarità del ciclo mestruale sono spesso segnalate dalle donne che sperimentano disturbi dell’umore come l’ansia e la depressione, o da coloro che stanno affrontando fattori di stress di vita acuta come disastri naturali, traslochi, carestie.

Data la natura senza precedenti della pandemia e il suo impatto significativo sulla salute mentale, questi dati non sono sorprendenti e confermano molti rapporti aneddotici nella stampa popolare e sui social media“, ha detto Woitowich.

Dall’inizio della pandemia, i social media sono stati una delle principali piattaforme in cui le donne che hanno le mestruazioni potevano condividere domande o preoccupazioni sui loro cicli mestruali. Solo recentemente queste preoccupazioni sono state affrontate dalla comunità di ricerca biomedica.

La salute riproduttiva non dovrebbe essere ignorata nel contesto di COVID-19“, ha detto Woitowich. “Stiamo già vedendo gli effetti a catena di ciò che accade quando non riusciamo a considerare questo importante aspetto della salute delle donne, dato che molti stanno sperimentando irregolarità del ciclo mestruale come risultato dei vaccini COVID-19 o dell’infezione COVID-19“.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

I costi sociali legati alla ricerca della solitudine

Le persone che amano la solitudine hanno più possibilità di essere emarginate dalla società, in ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *