Home / Attualità / L’uso dei media digitali da parte degli adolescenti è legato all’ansia?

L’uso dei media digitali da parte degli adolescenti è legato all’ansia?

Il mondo sociale degli adolescenti è oggi indissolubilmente legato ai media digitali. Queste piattaforme non solo definiscono le modalità di comunicazione dei giovani, ma influiscono anche sul loro benessere emotivo. In particolare, c’è un crescente interesse riguardo al legame tra l’uso dei media digitali e i sintomi di ansia tra gli adolescenti. Anche se i risultati empirici sono spesso contrastanti, sia gli adolescenti sia i loro genitori esprimono preoccupazioni valide su questo tema.

La trasformazione del panorama sociale

L’adolescenza è un periodo critico per lo sviluppo, in cui le interazioni con i coetanei giocano un ruolo chiave nella formazione dell’identità, nell’espansione dell’autonomia e nella maturazione emotiva. Tuttavia, il panorama sociale moderno è stato trasformato dai media digitali, che includono social media, app di messaggistica e piattaforme di gioco online.

Questi strumenti sono qualitativamente diversi dalle interazioni di persona, offrendo una disponibilità quasi costante e spesso mancando dei segnali socio-emotivi non verbali che caratterizzano le interazioni faccia a faccia.

Psicologi, genitori e adolescenti stessi sono preoccupati per il modo in cui i media digitali influiscono sul proprio benessere. Ecco perché la ricerca condotta sul tema da Sarah Myruski un’assistente professoressa di ricerca presso il Dipartimento di Psicologia della Penn State e direttrice associata dell’Emotion Development Lab, si è concentrata su tre domande chiave: Chi è a rischio? Come utilizzano i media digitali gli adolescenti? In che modo i modelli di utilizzo si relazionano ai sentimenti dei giovani?. In particolare, abbiamo osservato che le difficoltà di regolazione delle emozioni possono spiegare perché l’uso dei media digitali è associato a sintomi di ansia.

Preferenze di comunicazione degli adolescenti

Il gruppo di ricerca ha esplorato le preferenze degli adolescenti nel campo della comunicazione digitale rispetto alle interazioni faccia a faccia. Questo ha portato a scoprire che alcuni adolescenti preferiscono di gran lunga utilizzare i media digitali per condividere i loro sentimenti o incontrarsi con gli amici. Una preferenza che potrebbe essere dovuta al fatto che le piattaforme online offrono un maggior controllo e potere rispetto alle interazioni che avvengono di persona: è più facile pianificare cosa dire, c’è tempo per considerare le risposte e si può curare attentamente la propria immagine.

Regolazione delle emozioni e ansia

La regolazione delle emozioni comprende una serie di abilità, tra cui il rilevamento dei segnali emotivi, la modulazione dell’intensità delle emozioni e la scelta di quando e come esprimere queste emozioni. Si sa che le difficoltà nella regolazione delle emozioni sono alla base di stati di ansia elevata nei giovani. Le loro capacità di regolazione delle emozioni si sviluppano attraverso la pratica e le interazioni sociali, ma un uso eccessivo dei media digitali potrebbe ostacolare questo sviluppo, riducendo le opportunità di praticare queste abilità nelle interazioni faccia a faccia.

In questo recente studio, le preferenze di interazione sociale degli adolescenti e le loro relazioni con le emozioni, la regolazione e l’ansia sono state studiate utilizzando l’elettroencefalografia (EEG). Questo ha permesso di osservare la connettività tra le regioni cerebrali coinvolte nella regolazione delle emozioni e ha portato a scoprire che un “controllo eccessivo” delle emozioni era associato a una maggiore preferenza per i media digitali e a sintomi elevati di ansia sociale. Questo suggerisce che un eccessivo controllo neurale potrebbe riflettere una rigidità che porta a un comporta un maggior bisogno di controllo in situazioni sociali imprevedibili, segno distintivo dell’ansia sociale.

Come promuovere l’uso sano dei social media tra gli adolescenti?

Per promuovere un uso sano della tecnologia tra gli adolescenti, è fondamentale incoraggiare un equilibrio tra l’uso dei media digitali e le interazioni faccia a faccia. Piuttosto che imporre restrizioni severe, è più realistico fornire agli adolescenti gli strumenti per gestire la preoccupazione per gli amici deludenti e sviluppare abilità sociali per stabilire e mantenere limiti confortevoli. Inoltre, quando le interazioni di persona non sono possibili, forme di comunicazione digitale che includano segnali sociali in tempo reale, come chiamate vocali o videochiamate, possono essere più efficaci.

Poiché le difficoltà nella regolazione delle emozioni possono mettere alcuni adolescenti a rischio per gli aspetti negativi dell’uso dei media digitali, è utile praticare queste abilità attraverso attività quotidiane come parlare delle emozioni, tenere un diario, espressione artistica e interventi specifici progettati per rafforzare la regolazione delle emozioni. Monitorare l’umore prima e dopo l’uso dei media digitali può aiutare gli adolescenti a riflettere su come questo utilizzo influisce sul loro benessere.

L’uso dei media digitali è una realtà inevitabile per gli adolescenti di oggi, ma è fondamentale comprendere come questo influenzi il loro benessere emotivo. Promuovere un equilibrio tra interazioni digitali e faccia a faccia e incoraggiare la pratica della regolazione delle emozioni può aiutare a mitigare i rischi associati all’ansia e migliorare il benessere generale dei giovani.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come Inside Out 2 spiega bene i sentimenti degli adolescenti

La rappresentazione dell’adolescenza nel cinema è sempre stata una sfida ardua. Questa fase della vita ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *