Home / Attualità / Malattie cardiovascolari precoci possono peggiorare la salute del cervello nella mezza età
cosa fare quando soffri ansia

Malattie cardiovascolari precoci possono peggiorare la salute del cervello nella mezza età

Secondo una nuova ricerca pubblicata sull’ultimo numero di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology, le persone che sono affette da malattie cardiovascolari precoci potrebbero avere maggiori probabilità di avere problemi di memoria e di pensiero e una peggiore salute del cervello una volta raggiunta la mezza età.

Le malattie cardiovascolari, come le cardiopatie e l’ictus, sono state associate a un aumento del rischio di deterioramento cognitivo e demenza negli adulti più anziani, ma si sa meno su come l’insorgenza di queste malattie prima dei 60 anni abbia un impatto sulla cognizione e sulla salute del cervello nel corso della vita“, ha dichiarato il primo autore dello studio, Xiaqing Jiang, dell’Università della California, San Francisco. “Il nostro studio ha rilevato che gli eventi cardiovascolari prima della vita sono associati a una peggiore cognizione, a un declino cognitivo accelerato e a una cattiva salute del cervello nella mezza età”.

Lo studio ha assunto in esame 3.146 persone: i partecipanti avevano un’età compresa tra i 18 e i 30 anni all’inizio dello studio e sono stati seguiti per un massimo di 30 anni. Alla fine dello studio avevano un’età media di 55 anni.

A 147 dei partecipanti totali, pari al 5%, è stata diagnosticata una malattia cardiovascolare precoce come malattia coronarica, ictus, insufficienza cardiaca congestizia, malattia carotidea o malattia delle arterie periferiche prima dei 60 anni. L’età media del primo evento cardiovascolare era di 48 anni.

Dopo essere stati seguiti per un periodo di tempo pari a tre decenni, i partecipanti sono stati sottoposti a cinque test cognitivi che hanno misurato le capacità di pensiero e di memoria, tra cui la cognizione globale, la velocità di elaborazione, la funzione esecutiva, la memoria verbale ritardata e la fluenza verbale.

Ebbene, i ricercatori hanno scoperto che le persone affette da malattie cardiovascolari precoci hanno ottenuto risultati peggiori rispetto a quelle che non ne erano affette, in cinque test su cinque.

Per esempio, in un test che consisteva nel ricordare un elenco di parole dopo 10 minuti, con punteggi che andavano da zero a 15, i soggetti affetti da malattia cardiovascolare precoce, rispetto a quelli non affetti, avevano un punteggio medio di 6,4 contro un punteggio medio di 8,5.

Ancora, in un test di valutazione della cognizione globale con punteggi da zero a 30, i soggetti affetti da malattia cardiovascolare precoce avevano un punteggio medio di 21,4 rispetto a quelli senza malattia cardiovascolare che avevano un punteggio medio di 23,9. Un punteggio di 26 o superiore è considerato tipico, mentre le persone con decadimento cognitivo lieve hanno un punteggio medio di 22.

Ulteriormente, nello studio emerge come del totale dei partecipanti, 656 persone sono state sottoposte a scansioni cerebrali per esaminare le iperintensità della materia bianca e l’integrità della materia bianca (le iperintensità della materia bianca indicano tipicamente un danno vascolare alla materia bianca del cervello). Dopo aver aggiustato per i fattori di rischio cardiovascolare, come il diabete e l’ipertensione, i ricercatori hanno scoperto che la malattia cardiovascolare precoce era associata a un maggior numero di iperintensità della materia bianca nel cervello e a una maggiore diffusività media della materia bianca, che indica una diminuzione dell’integrità del tessuto cerebrale.

Per i partecipanti che hanno effettuato due serie di test cognitivi a 25 e 30 anni dall’inizio dello studio, i ricercatori hanno riscontrato che la malattia cardiovascolare precoce era associata a una probabilità tre volte maggiore di accelerare il declino cognitivo nell’arco di cinque anni, con il 13% delle persone con malattia cardiovascolare precoce che ha sperimentato un declino cognitivo accelerato rispetto al 5% delle persone che non hanno avuto la malattia.

“La nostra ricerca suggerisce che i 20 e i 30 anni sono un momento cruciale per iniziare a proteggere la salute del cervello attraverso la prevenzione e l’intervento sulle malattie cardiovascolari”, ha detto Jiang. “La prevenzione di queste malattie può ritardare l’insorgenza del declino cognitivo e promuovere un cervello più sano per tutta la vita”.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Ribellione nei bambini: un segnale d’allarme in risposta a genitori troppo severi

La ribellione in età infantile e adolescenziale è spesso un indicatore di tensioni sotterranee e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *