Home / Attualità / Il metodo danese per crescere figli felici

Il metodo danese per crescere figli felici

Il metodo P.A.R.E.N.T. (genitore in inglese), nato in Danimarca, è un acronimo di: Play (gioco), Authenticity (Autenticità), Reframing (ristrutturazione), Empathy (empatia), No Ultimatums (nessun ultimatum), Toghetherness (intimità), messo a punto dalla psicologa danese Iben Sandahl e dalla giornalista americana Jessica Alexander (sposata con un danese)

Hanno scritto la guida “PARENT, il metodo danese per crescere bambini felici” hanno formulato una teoria dalla loro ricerca per portare beneficio ai genitori di tutto il mondo ma ancor meglio ai figli.

Vediamo ora cosa prevede nel dettaglio questo metodo così, per chi vuole, da applicarlo nella  quotidianità.

Le regole per crescere figli felici

1 – Play (gioco)

In Danimarca si dà molta importanza alla fase del gioco libero sopratutto all’aperto, anche in inverno. Insegnano ai bambini a gestire emozioni e stress, creare modi e tempo di gioco per rapportarsi coi coetanei senza l’interferenza degli adulti.

In Italia per lo più invece si creano giornate strutturata correndo fra la scuola, corsi e lo sport tutto diventa programmato con appunti anche sull’agenda per non dimenticare di portare i figli da qualche parte. Perché non provare invece a lasciare le giornate più libere e le attività dettate dal caso?! Chissà che i nostri figli non ne traggano giovamento e siano davvero più felici.

2 – Authenticity (autenticità)

“La sincerità crea una maggiore consapevolezza di sè”. Uno principi fondamentali è di cercare di dire sempre la verità ai figli. Inoltre di non lodare troppo il bambino creando una falsa autostima ma concentrarsi sulle reali abilità quindi fare i complimenti solo se sono reali e dove invece sbaglia dirlo sinceramente e aiutarlo a migliorare per la realizzazione di quell’obbiettivo senza creare false speranze.  I figli devono imparare il principio dell’umiltà.

PAGINA SEGUENTE ->

Vedi Anche

Comunicazione di successo: i 5 parametri per riuscire a raggiungerla

Quando vogliamo comunicare qualcosa, lo facciamo perché altre persone, chi ci ascolta, recepisca il nostro messaggio. L’efficacia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *