Home / Psicologia / Metodo Montessori i 10 principi per crescere figli felici

Metodo Montessori i 10 principi per crescere figli felici

Tutti i genitori vogliono crescere i propri figli e vederli felici e nelle difficoltà che si incontrano nel percorso educativo spesso ci si chiede come fare. Avete mai pensato al metodo Montessori?

I principi base del metodo Montessori sono applicabili da tutti in casa e fuori e i materiali si possono anche costruire facilmente in casa propria.

Secondo Maria Montessori, al centro dell’apprendimento deve esserci il bambino stesso con le sue esigenze che sono tutte diverse da bambino a bambino.

Il bambino può essere lasciato libero di scegliere con cosa giocare in quel dato momento perché ogni occasione e un momento di apprendimento.

Vediamo i 10 punti del metodo Montessori applicabili da tutti genitori, educatori e insegnanti.

1) Ambiente e ordine

Maria Montessori credeva che i bambini imparassero meglio in un ambiente ordinato dove l’ordine aiuta i bambini a  a comprendere quanto sia importante riporre giocattoli e oggetti al proprio posto in ceste o luoghi predisposti allo scopo alla fine della giornata.

Mettere a disposizione del bambino oggetti realizzati per le loro dimensioni e la loro età è un buon punto di partenza.

2) Movimento e apprendimento

Maria Montessori credeva importante per il bambino l’utilizzo delle mani dove nel semplice gioco di impilare dei cubi di legno ci sta l’apprendimento della coordinazione e la concentrazione nel doverlo fare.

3) Libertà di scelta

La libera scelta, secondo la Montessori era il più importante dei processi mentali nello sviluppo dell’essere umano.

I bambini imparano molto di più e assorbono più informazioni quando vengono lasciati liberi di compiere le proprie scelte.

Questo non significa ovviamente lasciarli fare tutto ciò che vogliono ma permettere loro di sviluppare la capacità di scegliere la cosa giusta da fare per compiere il proprio percorso di crescita.

PAGINA SEGUENTE ->

Vedi Anche

So-tutto-io: come affrontarlo correttamente in 5 passaggi

Non è raro, negli ambienti sia di lavoro che personali, di trovare le cosiddette persone ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *