Home / Attualità / Perché a lavoro è meglio fare amicizia con tutti i colleghi subalterni?

Perché a lavoro è meglio fare amicizia con tutti i colleghi subalterni?

I subalterni, come il termine lascerebbe intendere, sono coloro che hanno meno esperienza di te, guadagnano un salario inferiore, hanno un ruolo subordinato nel tuo posto di lavoro.

Tuttavia, non fare l’errore di pensare che non meritano il tuo riconoscimento o rispetto, perché sono molto più preziosi per il tuo posto di lavoro e la tua produttività di quanto tu possa pensare.

Secondo Kieran Perry, un noto consulente aziendale indipendente, avere un mentore assicura che le imprese e le persone si concentrino sulle strategie e sui compiti giusti per avanzare meglio verso i propri obiettivi.

Dunque, se ci tieni al benessere tuo e dell’intera tua organizzazione, diventa per loro un pseudo mentore. Anche se possono essere assegnati a qualcun altro, possono essere meglio disposti con te proprio perché sanno che non è il tuo lavoro occuparti di loro, e che se lo fai, lo fai perché ti interessa. È anche possibile che il mentore assegnato non sia compatibile con i subordinati, creando una situazione scomoda per entrambi.

Ebbene, è questo il momento in cui puoi crearti un ruolo neutrale e prestare un orecchio al nuovo arrivato senza che si senta minacciato. Essendo in questa posizione, sarai in grado di aiutare un subordinato a navigare nella cultura del posto di lavoro e nel sistema di valori dell’azienda. Potrai fornire lui uno spazio sicuro per fare domande su altri dipartimenti e sul loro percorso di progressione di carriera all’interno o all’esterno dell’azienda.

Se fai parte dell’azienda da molto tempo, la relazione sarà vantaggiosa non solamente per lui, ma anche per te. Sarai infatti al corrente delle nuove informazioni che l’azienda sta distribuendo ai nuovi arrivati, come i nuovi processi di formazione o le nuove tecnologie su cui l’azienda non ha avuto la possibilità di aggiornare i dipendenti più anziani. È anche molto probabile che se trenta nuovi membri dello staff vengono assunti nel tuo ufficio, qualcuno in quel gruppo di assunti diventerà influente nella tua organizzazione. Rimanere in contatto con i nuovi assunti assicura anche di avere il polso della situazione e imparare come lavorare più efficacemente con il nuovo gruppo. Questo ti aprirà le porte ad una nuova rete di personale che potrebbe rivelarsi preziosa in futuro.

E, se ci rifacciamo al concetto precedente di dare favori in modo da poterli ricevere più tardi, se il tuo subordinato continua a lavorare in un altro dipartimento o finisce in una posizione con la quale collaborerai, è molto probabile che si ricorderà quanto gli sei stato utile.

C’è un grande valore nel costruire un rapporto con i nuovi arrivati, specialmente se hai avuto una mano nel vederli crescere.

E chi lo sa? Questo potrebbe anche portare il subordinato a tessere le tue lodi e a metterti in una luce più alta con i tuoi superiori per un aumento di stipendio o una promozione.

Ci sono poi alcuni ruoli molto specifici che potrebbero tornarti utili. Per esempio, le receptionist: queste incaricate prendono le chiamate per tutti i dipartimenti dell’azienda e le filtrano alle persone giuste. Quindi, naturalmente, sanno chi contattare e per cosa. Per esempio, diciamo che lavori in una società di leasing e hai difficoltà a contattare una collega della contabilità. Poiché hai costruito una relazione amichevole con la receptionist che lavora al centralino, potresti chiederle se sa che fine ha fatto questa collega e, di conseguenza, ottenere informazioni utili che potrai utilizzare nel tuo ambito professionale.

Anche creare un rapporto con il custode o la guardia di sicurezza ha molto senso: si tratta di persone che hanno le chiavi del tuo “regno” occupazionale e spesso loro si occuperanno di te se devi lavorare fino a tardi o se devi entrare prima nell’edificio. Potrebbero inoltre avere alcune informazioni su chi va e viene dall’azienda.

Tra gli altri settori aziendali con cui ti converrebbe mantenere buoni rapporti c’è poi il dipartimento IT, in cui troverai molte persone con cui vorrai probabilmente essere in buoni rapporti. Se il tuo computer ha deciso di fare le bizze, è il dipartimento IT che può sistemarlo per te. Se non mantieni la calma, le conseguenze potrebbero essere disastrose. Potrebbero essere lenti a riparare il tuo computer o rispondere alle tue richieste se ti sei arrabbiato con loro l’ultima volta. Presta attenzione, sii paziente e costruisci una conversazione con loro al telefono se stanno aggiustando qualcosa per te. È probabile che lo apprezzeranno perché molti reparti IT sono piuttosto isolati dal resto dell’azienda quando non sono impegnati per le riparazioni. L’IT può anche essere il fornitore di nuovi computer e potresti dunque diventare in cima alla lista per la nuova tecnologia in adozione in azienda.

Parlate anche con l’addetto alle pulizie. Dopo tutto, sta mantenendo il tuo posto di lavoro pulito, ordinato e igienico. Non si sa mai cosa può fare un sorriso o una parola gentile per te in futuro. Quell’addetto alle pulizie potrebbe non essere sempre un addetto alle pulizie e non sai mai quali vantaggi potresti ottenere da un positivo rapporto.

Ci sono molti benefici nell’essere un mentore e nel riconoscere coloro che sono associati al tuo ecosistema lavorativo. Quindi, come dice il proverbio, non guardare mai qualcuno dall’alto in basso, a meno che tu non lo stia aiutando a salire!

Alcuni dei benefici potrebbero essere immediati, ma la maggior parte di essi sarà notata nel lungo periodo:

  • Migliori le tue capacità comunicative e interpersonali
  • Ottieni la possibilità di imparare e coltivare nuove idee
  • Potrai ottenere elogi e avanzamenti di carriera avrai un solido impatto sulla vita dei tuoi colleghi
  • Guadagnerai nuove prospettive e aumenterai la tua autostima perché sarai in grado di comunicare con tutti i ruoli
  • Migliorerai le tue capacità di leadership, aprendo di conseguenza maggiori opportunità di carriera
  • Sarai soddisfatto di sapere che hai aiutato un altro collega nel suo percorso di vita.

E tu cosa ne pensi?

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

diventare genitori

3 domande da farsi prima di diventare genitore

Persino le persone più stabili a livello economico ed emotivo possono avere dei ripensamenti quando ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.