Home / Attualità / Quel fastidioso raffreddore che contagia i bambini: come difendersi?
raffreddore nei bambini

Quel fastidioso raffreddore che contagia i bambini: come difendersi?

E’ cosa saputa: i bambini piccoli sono soggetti al raffreddore, quando comincia l’inverno o comunque i primi freddi.

Nonostante le mamme lo sappiano, questo malanno di stagione, resta fra i più fastidiosi da gestire.

Ma la domanda è: quante volte i bambini vengono contagiati dal raffreddore in un anno?

E soprattutto quando bisogna iniziare a preoccuparsi? Con questo articolo vogliamo spiegare come agire in casi di raffreddore ripetuto.

Quante volte un bambino si ammala di raffreddore?

Innanzitutto chiariamo un concetto: il raffreddore contratto fino a 6 volte l’anno è normale, soprattutto se il bambino ha appena iniziato il percorso scolastico e quindi si trova a stretto contatto con virus e agenti batterici.

Questo non vuol dire che dovete sottovalutare il malanno, ma solo che non bisogna farsi prendere dal panico dinanzi al primo starnuto, ne tantomeno affollare le sale di attesa del pronto soccorso, ai primi sintomi.

Vediamo dunque cosa fare in presenza di raffreddore e tosse nel bambino.

I bambini si ammalano frequentemente perché il loro sistema immunitario non è ancora maturo e quindi facilmente attaccabile; normalmente dal classico raffreddore, in altri casi anche da tosse e mal di gola.

Sul discorso della tosse, bisogna sapere che non si tratta di una vera e propria patologia ma solo di una risposta sintomatica delle vie respiratorie che cercano di liberarsi dei corpi estranei con cui l’apparato respiratorio entra in contatto.

Le 4 regole per difendersi dal raffreddore

Detto questo, vediamo come difendersi dal raffreddore:

  1. Tenere sempre il naso del bambino pulito, attraverso lavaggi nasali con acqua fisiologia; in questo modo, aiuterete il bambino ad eliminare le mucose, fra cui anche quelle infette.
  2. Mantenere la temperatura della camera dove sono i bambini ammalati al di sotto dei 20° ed areare i locali ogni giorno, per eliminare i batteri presenti nell’aria.
  3. Umidificare gli ambienti, perché l’aria troppo secca irrita la gola e aumenta gli attacchi di tosse.
  4. Bere molto, per idratare il bambino ed aiutarlo con i liquidi a fluidificare i muchi.

Sappiate che il raffreddore è fisiologico e in ogni caso, va via da solo.

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

Meteosensibilità: anche tu soffri di malessere stagionale? Ecco i rimedi della natura

Le temperature si abbassano, i colori cambiano, le ore di luce diminuiscono e un senso ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *