Home / Attualità / Una piaga sociale in forte crescita: la sedentarietà
cosa succede a fare poco movimento?

Una piaga sociale in forte crescita: la sedentarietà

Una piaga sociale che influenza non solo lo stato di salute ma anche quello psicologico: la troppa sedentarietà che colpisce circa il 60% degli italiani.

Cosa significano questi dati?

Stiamo parlando di un fenomeno evolutivo, purtroppo in grande crescita, di sicuro favorito dalla tecnologia che ha invaso la nostra vita quotidiana e dal fatto che l’essere umano si è velocemente abituato a fare pochi sforzi per raggiungere una situazione di confort.

La sedentarietà fa male: a dirlo è l’OMS

Dati allarmanti di giungono anche dall‘Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha stimato la sedentarietà come la 4°causa di mortalità al mondo.

Il fatto di non fare attività fisica, di camminare poco, di trascorrere la maggior parte del nostro tempo libero in poltrona davanti alla tv o al tablet, di certo non aiuta a combattere questo fenomeno, che soprattutto fra gli adolescenti, dilaga a macchia d’olio.

L’essere umano ha una forte ed innata capacità di adattamento: quando non c’erano i mezzi di locomozione e  le risorse non erano immediatamente disponibili, gli uomini per necessità erano costretti a muoversi e a darsi da fare per sopravvivere. Insomma, il nostro DNA si erano adattato a quel tipo di vita.

Cosa accade quando facciamo del movimento fisico?

Nell’epoca attuale in cui viviamo, tutto si è capovolto.

Come reagiscono le nostre cellule a questa inversione di tendenza? Il nostro organismo si sta riadattando al nuovo stile di vita, perdendo l’abitudine al movimento.

Cosa accade dunque quando ci muoviamo troppo? Non essendo più abituati, avvertiamo tutta una serie di dolori muscolo-scheletrici ed articolari, come se avessimo spostato una montagna.

Insomma, abbiamo perso l’abitudine al movimento, con conseguenze sul nostro stato di salute e sulla nostra psiche.

Perché il realtà muoversi, camminare all’aria aperta, fare una nuotata o una bella passeggiata nei parchi, aiuta anche la nostra mente a staccare dallo stress della quotidianità.

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

musicoterapia

Musicoterapia perché fa bene

Le discipline olistiche, spesso al centro di numerosi critiche da parte dei medici convenzionali, hanno ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *