Home / Psicologia / Sindrome del Cavaliere Bianco, cos’è e come riconoscerla
di cosa si tratta?

Sindrome del Cavaliere Bianco, cos’è e come riconoscerla

Hai mai sentito parlare di Cavaliere bianco? Sai di cosa si tratta? Forse non tutti sono a conoscenza di questa particolare sindrome definita appunto Sindrome del Cavaliere bianco che colpisce gli uomini.

Vuoi sapere cos’è?

In un mondo fatto di uomini aggressivi e sempre pronti a conquistare una donna sul piano fisico, si inserisce una particolare categoria definita appunto cavaliere bianco, ossia fatta di uomini che preferiscono sedurre e corteggiare una donna, ma che poi in realtà non si concedono mai ad una relazione sessuale.

Strano…ma vero!

Come avviene questo particolare gioco di seduzione?

L’uomo affetto da sindrome del cavaliere bianco, ama sedurre e conquistare la sua “preda” mettendo in campo un corteggiamento amabile e molto romantico, come piace un po’ alle donne. Le conquista con le sue belle parole e non entra mai in conflitto con l’altra parte.

In realtà il corteggiamento è solo una prova per  se stesso e per darsi delle conferme di piacere; ma non va mai oltre.

Come riconoscere il cavaliere bianco

Attenzione! Non confondete il cavaliere bianco con l’uomo timido che in realtà, dietro il suo approccio un pò confuso, ha tutta l’intenzione di iniziare una relazione stabile.

Il cavaliere bianco è in realtà una persona insicura, debole, emotivamente instabile. Solitamente sono uomini con problemi nella sfera sessuale e che quindi cercano di compensare questo disturbo con innamoramenti esclusivamente mentali e idealizzati.

Normalmente sono single, ma potrebbero anche decidere di sposarsi, pur sapendo che il loro matrimonio sarebbe “bianco” ovvero senza nessun contatto fisico con la partner.

Il cavaliere bianco mette dunque in atto una sorta di “gioco buono” in quanto non fa del male a nessuno, ma semplicemente usa la sua affettività idealizzata per colmare il vuoto interiore.

In realtà non farebbe mai del male alle donne che corteggia, le ama semplicemente a modo suo!

 

 

Vedi Anche

Dipendenza da cibo: 5 sintomi per diagnosticarla

Non è la dipendenza più diffusa, né la più grave, ma esiste, e per qualcuno ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *