Home / Psicologia / Sindrome del Tramonto quando e perchè ci si ammala
ecco cos'è la sindrome del tramnto

Sindrome del Tramonto quando e perchè ci si ammala

Hai mai sentito parlare di Sindrome del Tramonto? Magari qualche volta avrai sentito questi termini, ma magari non sai di cosa si tratta e come la si affronta.

Con questo articolo te lo spieghiamo.

Cos’è la sindrome del tramonto?

La sindrome del tramonto è una patologia che colpisce le persone anziane e soprattutto quelle affette da demenza o morbo di Alzheimer, di solito 1 su 5 si ammala.

Si manifesta con una serie di sintomi psichici che si verificano al calar del sole o comunque quando si è esposti ad ambienti privi di luce. Nonostante se ne parli poco, in realtà non è una scoperta recente della medicina, in quanto gli stessi sintomi sono stati già ampiamente affrontati da Ippocrate nella teoria degli Umori.

Quali sono dunque i sintomi della sindrome del tramonto?

  1. Stato confusionale, la persone inizia a sentirsi agitato e in confusione;
  2. Disorientamento spazio-temporale, il paziente non si rende conto di dove si trova e spesso ha anche delle allucinazioni visive;
  3. Difficoltà e disorganizzazione del linguaggio, il soggetto non riesce più ad esprimersi bene e a farsi comprendere, ciò lo rende ancora più irritabile;
  4. Comportamenti aggressivi, dovuti soprattutto all’agitazione che sovviene nel paziente.

Le cause più comuni della Sindrome del Tramonto

Una delle cause più note è la stanchezza, non tanto fisica quanto mentale che affligge il paziente dopo una certa ora, in corrispondenza del buio.

Perché proprio al calar della sera? Perché il tutto diventa meno nitido e chiaro e quindi il paziente è maggiormente confuso e ogni cosa gli appare come ostile.

Un’altra causa è l’assenza dei colori: una persona anziana con una demenza avanzata non è in grado di vedere bene e soprattutto non è in grado di percepire il bianco e quindi ogni cosa di questo colore diventa trasparente. Ciò destabilizza fortemente il paziente.

A chi potete rivolgervi? Sicuramente uno psichiatra o un geriatra può aiutarvi a diagnosticare e tenere sotto controllo la malattia.

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

tatuaggi significato gatto

Tatuaggi il significato di scegliere il gatto

Tatuarsi un gatto è qualcosa di segretamente intimo. Chi decide di tatuarsi un gatto, ha ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *