Home / Attualità / Taser Italia – È giustificabile l’utilizzo del “taser” sui malati psichiatrici?
taser italia
taser italia

Taser Italia – È giustificabile l’utilizzo del “taser” sui malati psichiatrici?

Qualche anno fa (era il 2012) ad Ontario, vicino a Los Angeles, Nancy Schrock, moglie di Tom Schrock, nel tentativo di placare la furia del marito in preda ad un attacco violento (Tom soffriva da anni di depressione), chiama il 911: all’arrivo, gli agenti, per tranquillizzare la situazione, pensano bene di utilizzare un taser (pistola in grado di emettere una scarica elettrica modulare), rivolgendo una scarica contro l’uomo.

L’epilogo della storia non è dei migliori, Tom cade e muore in preda ad un forte shock. Le indagini accerteranno che la causa del decesso è stata, in particolare, dettata dall’interruzione del flusso di ossigeno al cervello causata da un arresto cardiaco innescato “dall’intervento delle forze dell’ordine”. La polizia era stata chiamata a casa degli Schrock almeno una decina di volte. Di solito gli agenti portavano Tom in ospedale, dove veniva curato e rimandato a casa dopo 72 ore.

Utilizzo del Teser

Negli Stati Uniti l’utilizzo del taser è cosa diffusa e le situazioni simili sono “quasi” all’ordine del giorno”: una richiesta di intervento, una scarica troppo violenta, una vittima, una richiesta di risarcimento da parte dei familiari e tutto riprende daccapo. La Reuters ha documentato oltre 1.000 casi di persone morte dopo essere state colpite da un teaser. Molte delle vittime appartengono a gruppi di persone “vulnerabili”: circa un quarto delle vittime soffriva di crisi psicotiche, come Tom Schrock, o disturbi neurologici di varia natura. In ben nove casi su dieci la vittima era completamente disarmata.

About Francesco Russo

Mi chiamo Francesco Russo, nato a Benevento e residente a Roccabascerana (AV). Amo viaggiare, il trekking, healthy food e la cucina casareccia, strimpello il basso elettrico e nel weekend sono in pista come Marshall. Ho conseguito la Laurea Triennale in Ing. Civile e Ambientale. Ho iniziato ad interessarmi al mondo del Web Marketing e per trasformare questa passione in lavoro ho conseguito presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli il Master in e-Commerce Management. Mi occupo dello sviluppo di e-Commerce, Siti vetrina, Social e Blog, secondo le necessità dei clienti, cerco di interpretare al meglio quella che oggi chiamiamo SEO. Sono una persona di buona volontà, ma non uno specialista Francesco

Vedi Anche

limone-carcinoma seno

Limoni per riconoscere il cancro al seno

Il cancro al seno è purtroppo una malattia che colpisce sempre più donne soprattutto nell’età ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *