Home / Psicologia / Psicologia del supermercato: 5 “inganni” di cui non ti rendi conto!

Psicologia del supermercato: 5 “inganni” di cui non ti rendi conto!

3. Gli accostamenti dei prodotti

Anche gli accostamenti dei prodotti non sono fatti a caso. Noi, solitamente, non conosciamo il prezzo base della merce in vendita (chi sa quanto costa un chilo di pasta all’ingrosso?) per cui è il supermercato a dircelo… a suo vantaggio.

Accostando un chilo di pasta caro (valore di 3 euro, ad esempio) a uno non troppo economico (1 euro), saremo indotti a pensare che quello da 1 euro, che costa un terzo dell’altro, è economicissimo; così, ovviamente, non è, ma noi lo pensiamo lo stesso! Si chiama, in psicologia, “ancoraggio” (ad un valore ben preciso).

Per resistere bisogna informarci sul reale costo di un prodotto, anche via internet.
PAGINA SEGUENTE ->

About Valerio

Mi chiamo Valerio Guiggi, redattore da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche. "A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere. (Carl Gustav Jung)"  (per contatti valerioguiggi[@]gmail.com)

Vedi Anche

Sei innamorato? E’ tutta una questione di cervello

Pazzo d’amore? Non è più solo una frase fatta ma una vera e propria definizione ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *